Home Storie Racconti di genitori

Mamma Simona: il matrimonio

di mammenellarete - 02.09.2009 - Scrivici

mamma_simona_matrimonio_big.180x120
E così fu. Dissi al direttore che da quel momento mi sarei occupata soltanto di recensioni di libri.

Lui accusò il colpo e, praticamente, non mi chiamo più se non per qualche sporadico intervento.

 

In compenso, avevo finalmente la mia piccola tutta per me.
Cominciammo a girare Venezia insieme. Io spingevo il passeggino su e giù per i ponti, distruggendomi la schiena, Sofia guardava il mondo attorno a sé ammirata, gli occhioni spalancati e il visetto sempre abbronzato. Quando trovavamo un parco giochi, facevamo una sosta e lei si scatenava con scivoli e altalene assieme ad altri bambini.

 

La nostra passeggiata mattutina iniziava dai giardini della Biennale - vivevamo nelle vicinanze - e finiva a Piazza S. Marco, per guardare i piccioni che facevano le loro danze amorose o che si fermavano sulle spalle dei turisti giapponesi dal corpo di granaglie, pronti a scattare le loro mille foto.

 

Quando tornò l’estate, andavamo ogni giorno in spiaggia, al Lido.
Sofia sguazzava beata - aveva ormai quasi due anni - e giocava con la fine sabbia lidense fino al tramonto. Il problema, poi, era rimuovere quella sabbia dagli anfratti del suo corpicino che diventava, ogni giorno di più, color cioccolata fondente.

 

Furono mesi intensi, ritrovammo l’antico attaccamento e mi sembrava di non aver bisogno d’altro se non della mia famiglia e della meravigliosa città che ci circondava.

 

“Marcia nuziale”

 

Dato il momento idilliaco che attraversavamo, io ed Enrico decidemmo di “regolare il nostro amore sull’altare” come canta De Andrè.
In pochissimo tempo organizzammo un matrimonio per pochi intimi; il nostro “altare” fu l’ufficio comunale di Rialto, il pranzo di nozze lo facemmo a S. Erasmo, una piccola isola della laguna veneziana soprannominata “l’orto di Venezia” per la sua terra prodiga di frutti e verdure squisiti.

 

Nonostante la poca preparazione, il matrimonio riuscì benissimo, i nostri amici e parenti sembravano sinceramente felici, i genitori soddisfatti di un legame che diventava, finalmente, ufficiale.
La piccola Sofia, vestita di bianco come una sposina, i lunghi capelli incoronati da roselline bianche, presenziava in quasi tutte le foto, gioiosamente indifferente all’evento.
Per lei suo padre e sua madre erano sempre gli stessi, solo, quel giorno, un po’ più eleganti del solito.

 


Simona Castiglione

 

Storie senza fine

 


Com' è cominciata la storia di Mamma Simona? Ecco il riassunto delle vecchie puntate!

 

TI POTREBBE INTERESSARE