Home Storie Racconti di genitori

Mamma a 22 anni di una bimba nata a Tenerife

di mammenellarete - 11.11.2016 - Scrivici

neonata.600
Fonte: Pixabay
Mai avrei pensato di infilarmi in una relazione o tantomeno di diventare mamma, io, con solo 22 anni, avevo progetti ben diversi all'inizio. Mi ero appena trasferita a Tenerife, in Spagna. Ma è vero che al cuor non si comanda: in poco tempo ero cotta di Giacomo, della sua eleganza, del modo di parlarmi, di consigliarmi, di prendersi cura di me. La notte del 31 marzo abbiamo concepito Melissa.

Ciao a tutti, io sono Giulia. Ho 22 anni, vivo a Tenerife nelle Isole Canarie da poco più di un anno e sono all'ottavo mese. La mia è una storia particolare; ho lasciato la mia famiglia e i miei amici per seguire i miei sogni e provare una nuova esperienza. A settembre dell'anno scorso sono arrivata a Tenerife con volo solo andata.

 

Qui sono in qualche modo rinata, la mia vita si è stravolta. Qui ho conosciuto Giacomo, dopo solo 1 mese che mi trovavo qui. All'inizio non è stato facile tra noi, era un rapporto amore-odio, ma dopo poco siamo andati a vivere insieme. Insieme ci divertivamo molto e lui cercava di aiutarmi con la ricerca di un lavoro per far si che il mio "sogno canario" non finisse e potessi rimanere qui.

 

Mai avrei pensato di infilarmi in una relazione o tantomeno di diventare mamma, io, con solo 22 anni, avevo progetti ben diversi all'inizio. Ma è vero che al cuor non si comanda: in poco tempo ero cotta di Giacomo, della sua eleganza, del modo di parlarmi, di consigliarmi, di prendersi cura di me. La notte del 31 marzo abbiamo concepito Melissa.

 

Tutto ai nostri occhi appariva diverso nei giorni seguenti. Le mestruazioni non arrivarono, comprammo il test e risultò positivo. C'era un misto di eccitazione e di paura per quel che di nuovo ci stava dando la vita. Tanta paura, perché entrambi fuori casa, 22 anni io, 26 lui, con la famiglia lontano da noi. Eravamo solo io e lui a viverci questo amore.

 

Tanti dubbi: sarà la scelta giusta? Oggi dico di sì: sta arrivando la piccola Melissa. Pensare che la data di scadenza si aggira tra la settimana di Natale, non potrei ricevere regalo più bello di questo. Siamo giovanissimi, è vero, ma abbiamo tanta voglia di vivere. Lui è formidabile, non pensavo così tanto.

 

Fa di tutto per farmi sorridere, la nostra non è una situazione delle migliori. Lui lavora e io non percepisco maternità perché non ho accumulato i giusti mesi di lavoro qui. Quindi stringiamo i denti, ma non mi fa mancare nulla, anzi spesso mi vizia. A Tenerife è anche difficile stringere amicizie solide, ecco perché dico che siamo solo io e lui.

 

Abbiamo tanta gente attorno, l'affetto di tutti non manca, ma non contiamo su nessuno e manca molto in questi momenti la famiglia. A volte ho avuto dei momenti di tristezza, il pensiero che la mia famiglia non mi avrebbe vista con il pancione mi buttava davvero giù.

 

Anche i kg in più sono stati difficili da accettare per una ragazza di 22 anni che era nel pieno della sua forma fisica, la solitudine; star in casa aspettando lui che tornasse da lavoro. E ora, un'ultima sfida, dobbiamo lasciare l'appartamento dove abbiamo costruito tutto entro i primi di dicembre. L'agenzia non ci ha rinnovato il contratto per via della padrona di casa che verrà a farsi le vacanze natalizie qua e voleva la casa libera.

 

Ma questa è un altra storia. Una sfiga in parole povere. A poche settimane dal parto siamo stati costretti ad affrontare un trasloco, ma la cosa più importante è trovare una nuova casetta per noi e di questi tempi è un po' dura per via delle vacanze natalizie e del turismo in aumento. Ma non abbiamo paura neanche questa volta, è una sfida che ci aspetta.

 

Le nostre famiglie ci appoggiano e ci piacerebbe tornare in Italia in vacanza dopo la nascita di Melissa per finalmente conoscerci e riunirci tutti insieme. Ah, dimenticavo, io di Torino e lui di Verona, quindi anche abbastanza vicini, poteva andarci peggio. Cerchiamo di affrontare tutto con un sorriso e ci amiamo più che mai. Chi mai avrebbe detto che la mia vita sarebbe cambiata così tanto, ma sono felice e innamoratissima di lui e della vita.

 

di Giulia

 

(storia arrivata alla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

Incinta a 16 anni: il mio parto prematuro

 

Incinta a 19 anni: ero spaventata ma felicissima

 

A 36 anni ho incontrato l'uomo della mia vita in Spagna

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati