Home Storie Racconti di genitori

Mamma a 18 anni: mi sono avvicinata tanto alla mia mamma!

di mammenellarete - 22.04.2014 - Scrivici

mamma-e-figlia-400x279.180x120
Ciao vorrei raccontare la mia storia e la mia gravidanza. Dunque ho 19 anni e vengo da una famiglia di 8 figli!! Ho sempre litigato con mia mamma all'inverosimile! Ero una ribelle di prima classe, non ascoltavo nessuno, facevo solo di testa mia. Premetto che non ho mai fatto cose fuori legge o altro. Ma volevo i miei spazi, cosa che magari con tutti quei fratelli non c'era! Devo ammettere che, se ci penso ora, mi rendo conto che  uscivo quando mi pareva. Ma per me, adolescente, era

sempre troppo poco!!

 

E mia mamma diceva sempre: "Quando sarai mamma capirai"!

 

Conosco il mio attuale fidanzato e padre di mio figlio e dopo 3 mesi andiamo a convivere, anche se i nostri genitori erano poco conviti perché era troppo presto.

 

Però potevamo permetterci di vivere tranquilli...

 

Insomma lui ha un lavoro sicuro e quindi realizzare il nostro sogno era possibile! Abbiamo 8 anni di differenza, ma a essere sincera non li sentivo...

 

Sta di fatto che mia mamma era già in attesa di 3 mesi della mia ottava sorellina e io l'11 febbraio, così per scrupolo, voglio fare il test che risulta positivo dopo 15 minuti.

 

La mattina seguente ne faccio un altro ed era strapositivo!!

 

Decido quindi di chiamare mia madre e le dico di non arrabbiarsi. Lei aveva già capito. Mi disse: "Sono contenta!!"

 

Invece mio padre pensava lo stessi prendendo in giro, ma alla fine l'ha presa bene!!

 

Il mio compagno era felicissimo, io invece titubante passo tutta la notte a riflettere: sai, 18 anni appena compiuti, casa mia, libertà... rinunciare a tutto questo?!

 

Sì, l'ho capito quando ebbi dei dolori fortissimi e corsi al pronto soccorso pensando ad un aborto. Mi dissi: "NO, MIO FIGLIO DEVE NASCERE!!"

 

Mi hanno tenuta monitorata per qualche giorno, con esami del sangue, finché tutto non si è sistemato!

 

Alla prima ecografia scoppiavo di gioia anche se non lo davo a vedere, sentivo il cambiamento e la responsabilità di mamma che mi assaliva con piacere!

 

La gravidanza è stata estenuante: pressione bassa e vomito a go go! Ma la cosa bella è che con mia mamma ci siamo avvicinate tanto: due pancioni, due cuoricini, due marmocchi in arrivo. Io vedevo la mia sorellina e lei il suo primo nipote! Tanta gioia !

 

Al settimo mese mi dicono che il bambino cresce poco e il liquido è al limite della norma e da lì, ogni due per tre in ospedale fino al parto!

 

Il signorino si è fatto attendere per una settimana, ma poi, tra dolori e urla, è nato il mio Matias, con l'amore del mio compagno che mi sosteneva nel dolore del parto!!

 

Un'emozione stupenda... lui piangeva, io no. Volevo solo tenerlo tra le braccia!

 

Quando me lo diedero, vidi un piedino storto: mi sentii in colpa perché ero ingrassata troppo e mi davo la colpa di averlo troppo schiacciato!!

 

Visite private, fisioterapia e il mio bimbo non aveva nulla di grave!

 

Ora ha quasi sei mesi e sta meglio di me.

 

Sono la mamma più felice del mondo e anche sorella di una bonzetta di 8 mesi che è tutta da mangiare!

 

Siamo felici tutti e non ci siamo mai fatti mancare niente nonostante la crisi!

 

Ragazze non datevi per vinte se rimante incinta giovani perché è un dono ❤️❤️

 

Grazie in anticipo un bacio a tutti i popi e le mamme che fanno sacrifici come la mia!

 

di V.

 

(storia arrivata per email a redazione@nostrofiglio.it)

 

Leggi tutte le storie della categoria: “Mamma giovane”

 

Ti potrebbe interessare: a 14 anni, madre di un figlio non mio

 

TI POTREBBE INTERESSARE