Home Storie Racconti di genitori

L'italia del futuro sarà multiculturale grazie alle mamme straniere

di mammenellarete - 29.05.2012 - Scrivici

mamme-straniere-400.180x120
Si parla spesso dell'Italia invecchiata, del futuro in mano agli stranieri, ma come sono le mamme straniere, e come è il rapporto e l'integrazione con quelle italiane, può questa relazione creare nuovi modelli culturali? Abbiamo recentemente avuto modo di visionare un documento molto interessante a cura di Laura Zanfini, responsabile settore Economia e Lavoro dell' Ismu, realizzato per dare un quadro sul numero delle mamme immigrate sul territorio italiano.

Ti potrebbero interessare anche...

In un Italia inesorabilmente destinata all’invecchiamento, è dalle mamme straniere – o più precisamente da quelle provenienti dai c.d. paesi a forte pressione migratoria – che viene il più significativo contributo alla tenuta demografica. Le donne straniere si sposano decisamente prima di quelle italiane, e diventano mamme prima e più spesso delle italiane.
 In Lombardia, ad esempio, dove da oltre 10 anni è attivo un sistema di monitoraggio unico nel suo genere, oltre i 2/3 delle circa 480mila immigrate presenti hanno almeno un figlio, più spesso due (la media è di quasi due figli a testa, ma considerata la giovane età vi è da pensare che molte di esse non abbiano affatto terminato la propria carriera riproduttiva). E tutto ciò a dispetto di condizioni di reddito e abitative che le vedono nettamente penalizzate rispetto alle italiane.

Sempre prendendo a riferimento il caso lombardo – che è del resto regione di punta nel panorama italiano, con circa un quarto delle presenze straniere complessive –, possiamo osservare come solo una mamma su quattro si dichiara casalinga; 4 su dieci lavorano in modo regolare (in circa il 30% dei casi a tempo parziale), le altre sono disoccupate od occupate in maniera precaria o irregolare. La quota di mamme attive e occupate aumenta considerevolmente al crescere del livello di istruzione, a riprova di come, al pari di quanto avviene per le mamme “nostrane”, i capitali formativi costituiscono la principale variabile esplicativa dei comportamenti agiti sul mercato del lavoro dalle donne con responsabilità familiari.

Ti potrebbero interessare anche...

Questo studio evidenzia una tendenza sociale e culturale molto particolare, infatti, se molte giovani donne dichiarano di non avere figli perché non possono mantenerli, la presenza di tante mamme straniere, con reddito inferiore alla media, prova che la questione economica non può essere l'unica ragione che spinge le donne italiane a non far figli.

Le mamme immigrate portano con sé stili di parenting – ossia quelle pratiche genitoriali che influiscono significativamente sulla strutturazione dei comportamenti infantili – che, sia pure diversi da quelli considerati ortodossi nella società ospite, non dovrebbero essere sbrigativamente liquidati come antiquati, ma che potrebbero anzi rimettere in discussione i modelli nostrani. Per citare un solo esempio, in Europa e nel Nord America, la pratica del “co-sleeping” (il dormire insieme) viene ritenuta anomala, se non addirittura pericolosa per il corretto sviluppo del bambino; sebbene fortemente disapprovata nei paesi occidentali, essa costituisce invece la regola nella maggior parte delle culture del mondo: nel continente africano, in quello asiatico, in America Latina così come nel Medio Oriente il bambino non viene mai lasciato solo a dormire, bensì fatto addormentare a stretto contatto con la madre. Orbene, nonostante la sua stigmatizzazione, numerosi studi recenti forniscono molte ragioni per favorire la pratica del co-sleeping che, oltre a rispondere a un bisogno primario del bambino, favorirebbe il suo sviluppo, migliorerebbe la qualità del sonno tanto del bambino quanto della madre, oltre a rendere quest’ultima pronta a rispondere a qualunque necessità, fino a prevenire la sindrome della morte improvvisa nei bambini (la così detta “morte in culla”), praticamente inesistente nelle società che lo praticano. La presenza di tante mamme immigrate può dunque costituire l’occasione di riscoprire il valore per lo sviluppo del bambino di pratiche di parenting abbandonate in ottemperanza ai ritmi convulsi e ai valori della società contemporanea.

Le mamme immigrate pongono nuovi bisogni e nuove sfide al sistema della conciliazione. Esattamente come avviene per le mamme italiane, la nascita dei figli si traduce spesso in una condizione ostativa per accedere o restare sul mercato del lavoro. La tabella, costruita utilizzando un “indice di carico” dato dal rapporto tra componente adulto/maggiorenne (potenzialmente attiva sul mercato del lavoro) e componente minorenne (in massima parte a carico) del nucleo familiare illustra come per le donne immigrate – ma non per gli uomini – l’incremento dell’indice di carico si accompagna a un drastico ridimensionamento dell’occupazione. Considerando poi i dati relativi alla composizione dei nuclei familiari, si può osservare come l’avere un partner e dei figli è la condizione che più allontana le donne immigrate dal mondo del lavoro (mentre le donne sole con figli mantengono un’elevata partecipazione al mercato del lavoro retribuito), e che più influisce negativamente sui livelli salariali percepiti dalle donne immigrate (esattamente l’opposto di quanto non avvenga per gli uomini immigrati).

Sfida ancora assolutamente non risolta per le donne autoctone, la conciliazione tra famiglia e lavoro retribuito resta una chimera soprattutto per le donne immigrate. Troppo facile liquidare il problema adducendo a presunti motivi culturali che terrebbero lontane dal mercato del lavoro le donne provenienti da alcuni paesi a forte pressione migratoria. Altro è poi constatare come, nel caso di alcuni paesi d’origine – più di tutti il Bangladesh e il Pakistan, seguiti a distanza dal Marocco –, la percentuale di mamme attive e occupate sia così bassa (addirittura una sola mamma occupata su 10, nel caso del Bangladesh), da chiamare inevitabilmente in causa specifici modelli culturali di divisione del lavoro di genere e specifiche culture migratorie.

E voi cosa ne dite mamme? Può essere il reddito l'unica ragione per scegliere di non avere figli? L'esperienza delle mamme straniere può insegnarci nuove strade per essere mamma e donna in modo diverso?

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati