Home Storie Racconti di genitori

L'indipendenza dei figli, quanto è importante per me

di Patrizia Alfano - 17.06.2014 - Scrivici

mamma.180x120
Dedicare molto tempo ai figli per poterli aiutare con la scuola, con lo sport o con la sua crescita è positivo, però essere mamma non deve significare solo fare sacrifici. Tanti dicono: “i bambini seguiti solitamente sono quelli che a scuola hanno meno problemi”. Questo probabilmente è vero, però è anche giusto che i bambini imparino a diventare indipendenti sotto tutti i punti di vista. Ciò non vuol dire solo “tagliare il cordone ombelicale”, vuol dire anche permettere alla mamma di avere più tempo per sé. Finché sono piccoli questo traguardo ci sembra talmente lontano che tante volte ci scoraggiamo. Arriva poi il momento tanto atteso e finalmente riusciamo a godere di un po’ di ore tutte per noi. Inizialmente quasi abbiamo dei sensi di colpa, ma per fortuna dura talmente poco che ci accorgiamo appena.

Così terminare un libro prima della scadenza della biblioteca diventa un miracolo realizzato.
Oppure poter uscire da sole a far shopping, senza preoccuparsi che i bambini (prima sempre a nostro seguito) distruggano il negozio facendoci diventare piccole e rosse dalla vergogna e quindi scappare senza acquisti.

Anche semplicemente indossare un abito pulito sembra una grandissima meta raggiunta.

Chi non ha mai sentito dirsi dal marito: “ma sei sporca… ma cosa hai combinato al vestito?!?”
Certo, lui è stato in macchina ad aspettarci mentre noi prendiamo tutto l’occorrente e ci occupiamo dei bambini che fino all’ultimo devono essere cambiati di pannolino per un attacco di diarrea o di vestito per un rigurgito improvviso.

Ovviamente una qualsiasi bavetta o manata sporca dei bambini era situazione d’imbarazzo quando si usciva.
Anche il trovarsi in mezzo a tante donne ben curate, pettinate e truccate alla perfezione, ci faceva sentire goffe e fuori luogo (un po’ alla Bridget Jones quando arriva sconvolta all’albergo dopo un viaggio in cabriolet… altro che diva del cinema!).

Ricordiamo con rimpianto i bei tempi, quando da fidanzate facevamo attendere il nostro lui. Ci pettinavamo e ci truccavamo per ore e ore, provando magari tutto il guardaroba prima di decidere che cosa indossare.

Ora possiamo addirittura permetterci un tacco 12 o una scollatura un po’ più sfacciata… incredibile!!! Nelle nostre uscite non dovremo più preoccuparci di rincorrere o urlare dietro a dei marmocchi scatenati.

Provate a pensare a quante serate siamo crollate sul divano davanti ad un film romantico accanto alla nostra dolce metà. Quante serate rovinate dalla nostra stanchezza di mamme tuttofare o super presenti!

Se i nostri figli imparano a giocare fra di loro, a vestirsi, a prepararsi la cartella, a lavarsi da soli e non hanno più bisogno del nostro controllo vigile, è tutto tempo che guadagniamo… e non solo per le nostre serate romantiche!!!

Sull’autrice:

"Abito sulle colline dell'oltrepo pavese con la mia dolce metà e i miei 3 cuccioli. Scrivo libri, racconti, fumetti, barzellette, pillole di saggezza, recensioni di libri… tutto sul mio blog http://sognidarospocchia.blogspot.it"

Altri articoli di Patrizia:

Di che cosa hanno davvero bisogno i nostri figli?
Neomamme: 3 dritte per difendersi dai consigli improvvisati
I bambini non sono perfetti

articoli correlati