Home Storie Racconti di genitori

La mia rinascita dopo la separazione

di mammenellarete - 24.03.2014 - Scrivici

donna-e-mamma.180x120
E' incredibile come una storia che va male può abbatterti psicologicamente. Quando c'è un figlio di mezzo peraltro di neanche tre anni e fai di tutto pur di tenere unita la famiglia pur spegnendoti dentro. Poi arrivi ad un punto che ti fermi a pensare e ti rendi conto che non può funzionare... che oltre al figlio esisti anche tu come donna e non solo come mamma! Stanca e stufa dei continui litigi, stanca delle sue bugie, stanca perché

a tutto devi pensare tu!

Ti logora dentro, ti guardi allo specchio e ti vedi brutta, grassa e con le occhiaie... grassa perché per placare il nervosismo e l'ansia continui a mangiare a tutte le ore.

Ed ecco che finalmente fai una scelta, dopo anni che sopporti e subisci una storia che non ha più senso, dove la fiducia e il rispetto è la base di tutto ma che è svanita nel nulla. E capisci che anche tuo figlio non può crescere bene in una situazione tale. Allora un bel giorno ti decidi, ognuno a casa sua, pur mantenendo un rapporto amichevole perché con quello che si sente in giro è meglio così e soprattutto perché la notte è meglio dormire tranquilli.

Ora sono appena venti giorni che siamo separati e mi sento pian piano rinascere.

Ho perso cinque chili, ho una luce nuova negli occhi e vado in giro rilassata e col sorriso sulle labbra al contrario di prima che avevo la faccia scura e ce l'avevo col mondo intero!

Questa è la mia storia e non voglio incoraggiare nessuna mamma che si sente frustrata, ma far capire come delle volte le storie sono impossibili e bisogna stringere i denti e dare un taglio,cambiare la propria vita in meglio, perché la vita è una e va vissuta...

Non si molla mai ai primi ostacoli perché si fa il possibile per la famiglia e si tiene duro, ma quando tu il possibile l'hai fatto pur di annullarti, questa non è vita.

E non voglio dire che credo alla favoletta del mulino bianco dove tutti sono felici, ma in una famiglia deve esserci serenità, amore, comprensione, fiducia e rispetto e quando tutto questo non c'è più allora è la fine.

Ora sono felice e serena e anche mio figlio è molto più tranquillo perché respira la stessa mia serenità. E quando sta col papà gode di quei momenti, ma ha capito che torniamo a casa da soli e non fa storie.

Lui è tutta la mia forza e non tornerei mai indietro perché anch'io valgo... come mamma e come donna!

di Tonina

(storia arrivata sulla nostra pagina Facebook)

Storie correlate:

lettera a mio figlio: ti amo all'infinito

lettera a mio figlio,

lettera a mio figlio nel pancione

articoli correlati