Home Storie Racconti di genitori

"La lucciola e il vecchio contadino"

di mammenellarete - 14.07.2010 - Scrivici

La-lucciola-e-il-vecchio-contadino_590.180x120
Una notte durante una danza di stelle cadenti, una giovane lucciola nel tentativo di afferrarne una, scivola, precipitando sulla Terra in un grande prato verde. La mattina seguente, un vecchio contadino passando di lì, la raccoglie. "E in quell'istante eterno tutto l'universo fece festa". A cosa pensate se si parla d'amore? Forse non a una lucciola e a un vecchio contadino. Eppure quella raccontata da Elisabetta Garbarini e illustrata da Anna Maria Di Palma, in questo piccolo, delizioso libro di edizioni Cliegio pensato per i più piccoli , è una storia d'amore a tutti gli effetti. C'è l'incontro inaspettato e insolito tra una lucciola precipitata da un astro "abitato da una miriade di lucciole" e il contadino che la ritrova su un prato, apparentemente priva di vita.

C'è la dolcezza di una cura tutta speciale, quella del contadino che, non sapendo come accudire la lucciola, decide che il solo modo di aiutarla è "parlare con il cuore".

Ci sono lo stupore e l'incanto del conoscersi e del volersi bene, e poi c'è il momento in cui bisogna separarsi. Sì, ma come in ogni storia d'amore che si rispetti, è solo per incontrarsi di nuovo in una dimensione diversa e migliore.

"I pensieri d'amore raggiungono i posti più impensati, perché non si curano delle distanze".

Le autrici sono:

- Elisabetta Garbarini, nata circa 452 lune fa. Da anni lavora come autore e consulente nel settore della comunicazione. Vive fuori Milano con i suoi tre amori: Valerio, il piccolo Alessandro e Apache saggia compagna a quattro zampe. Le piace avventurarsi con libertà nella fantasia, accompagnata da energie di Luce che giocose e leggere, ispirano da sempre le sue parole.

- Anna Maria Di Palma, illustratrice in libertà. Si occupa di grafica per grandi eventi con lo stesso entusiasmo delle piccole produzioni personali, a cui si dedica per passione. Ama tracciare nei ritratti la personalità degli amici e dei personaggi di racconti e fiabe... e scovarne i segni nascosti che parlano in silenzio.

articoli correlati