Home Storie Racconti di genitori

La gelosia della madre e la sindrome della leonessa

di mammenellarete - 21.10.2011 - Scrivici

mamma-gelosa-400.180x120
Le mamme spesso nascondono la propria fragilità dietro un sano sentimento di protezione del neonato. L'eccessivo rifiuto di intromissioni nel rapporto con il figlio può diventare patologico e minare l'equilibrio di coppia. L'arrivo di un bebè, motivo di infinita gioia per i neo genitori, rappresenta uno sconvolgimento delle abitudini e potrebbe portare la mamma ad assumere comportamenti estremi. Stiamo parlando non di depressione post partum, ma di eccessivo attaccamento al bambino da parte della madre che impedisce a chiunque, talvolta compreso il padre, di avvicinarsi al piccolo.

Quando questo atteggiamento viene fatto notare, la mamma trova delle giustificazioni che sono per lei plausibili.

Ti potrebbero interessare anche. . .

Tra le giustificazioni più comuni che la madre adduce, annoveriamo:

  • ho paura che il bambino possa ammalarsi: gli amici e i conoscenti potrebbero avere le mani sporche, essere raffreddate o non in perfetta salute;
  • il bambino smette di piangere solo con me: l'ansia del pianto ininterrotto del piccolo fa credere alla madre di essere l'unica in grado di calmarlo;
  • non voglio consigli, voglio imparare da sola ad accudirlo: la troppa attenzione da parte di altri membri della famiglia viene vissuta dalla mamma come un imporsi sulla gestione dei tempi del bambino.

mamma leonessa

Difendere in modo spontaneo il territorio è comprensibile, ed è giusto che la neo mamma si senta investita di responsabilità per la sua famiglia. Meno naturale e sano è invece è avere reazioni di rabbia, gelosia patologica, attacchi di panico quando:

  • altre persone prendono in braccio il bambino;
  • il piccolo inizia a piangere se è in braccio ad altre persone;
  • si è gelose del rapporto che il bebè sta costruendo con i nonni o il padre.

insicurezza

gravidanza

Se questo non fosse possibile e addirittura il rapporto di coppia fosse compromesso, sarà utile chiedere consiglio al proprio medico e seguire un percorso di coaching presso strutture dedicate al periodo post parto o alle coppie di neo genitori.

Ti sei mai sentita così? Come ne sei uscita? Lascia un commento e .

Ti potrebbero interessare anche. . .

TI POTREBBE INTERESSARE