Home Storie Racconti di genitori

Incinta e single a 19 anni: lettera a mio figlio Gioele nel pancione

di mammenellarete - 19.01.2017 - Scrivici

mammagiovane.600
Non avrei mai immaginato a 19 anni di scrivere una lettera per una persona che deve ancora nascere: mio figlio Gioele. Tra pochi mesi lo stringerò tra le mie braccia e lo potrò finalmente guardare negli occhi e vedere tutto l’amore che provo in un esserino innocente. Sono una mamma single, ma prometto che farò di tutto per dare a mio figlio un presente e un futuro pieno di sogni.

Scrivo storie, poesie, lettere da quando ero poco più che adolescente, ma mai mi sarei immaginata a 19 anni e scrivere una lettera per una persona che deve ancora nascere: mio figlio Gioele.

 

Ancora non riesco a credere che tra pochi mesi diventerò mamma. Ti stringerò tra le mie braccia e ti potrò finalmente guardare negli occhi e vedere tutto l’amore che provo in un piccolo esserino innocente che va difeso da tutto e da tutti.

 

Figlio mio tu mi stai dando la forza ogni giorno di andare avanti e di svegliarmi la mattina e di vedere anche una giornata nera con dei colori più vivi. Per te scavalco ogni noia, ogni dolore fisico e prendo tre mezzi per cercare di avere almeno una qualifica prima che tu nasca, per far sì che non ti possa mai vergognare di tua madre perché non è stata in grado di mantenerti e di seguirti.

 

Io ti prometto che farò di tutto per darti un presente e un futuro pieno di sogni e insieme a te li proteggerò da tutti quelli che dicono che nella vita i sogni e le speranze sono solo illusioni.

 

Sei il mio sogno e la mia speranza di vita, non sei mai stato un ostacolo e mai lo sarai, io in quella sala a ucciderti non ce l'ho fatta a entrare perché non potevo buttare via una creatura così bella. Questa decisione ha portato a far andare via tuo padre, scusa amore mio se non sono riuscita a farti volere bene da lui.

 

Non riesco a pensare che mai ti prenderà in braccio, che mai ti guarderà negli occhi e che mai potrai dire: "Ti voglio bene papà". Mi sono sentita tante volte in colpa per questo e spesso ancora mi sentirai piangere e sentirai il mio cuore battere forte, non sentirai mai raccontarti di lui, ma solo ogni tanto qualche parola poco corretta.

 

Fai finta di niente perché io sarò tua madre e tuo padre e insieme affronteremo ogni ostacolo, la mia mano non lascerà mai la tua e il nostro battito sarà sempre uno solo…

 

Ti immagino spesso, penso a come sarai, a chi assomiglierai. Chissà se lui ti pensa ogni tanto, se nel suo cuore c’è qualcosa che lo lega a te, non proverà mai quello che sento io ogni giorno portandoti dentro di me.

 

Figlio mio, grazie di essere nato e cresciuto dentro di me.

 

Sappi che intorno a te ci sono delle persone fantastiche che ti aspettano.

 

di Milli

 

(storia arrivata all'e-mail redazione@nostrofiglio.it )

 

Incinta a 16 anni: il mio parto prematuro

 

Incinta a 19 anni: ero spaventata ma felicissima

 

Incinta a 19 anni: ho deciso di non abortire

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati