Home Storie Racconti di genitori

Incinta dopo 10 anni di tentativi. Donne, non perdete MAI la speranza. Il mio miracolo

di mammenellarete - 29.10.2014 - Scrivici

padre-pio-sorridente.180x120
Un messaggio d'incoraggiamento a tutte le donne che desiderano tanto avere un figlio. La storia di Caterina, incinta di 7 mesi dopo aver aspettato ben 10 anni.

Buongiorno!

Ho piacere di raccontare la mia storia in nome di tutte quelle donne che hanno perso la speranza di poter diventare mamma.

La mia storia ha inizio ben dieci anni fa, quando io avevo 23 anni. Io e il mio compagno avevamo preso in considerazione l'idea di poter diventare genitori. Non lo stavamo cercando disperatamente, ma se fosse arrivato, sarebbe sicuramente stato il benvenuto.

Così lasciammo il tutto nelle mani della natura e cominciai a non prendere alcuna precauzione.

Passarono mesi e mesi. Che strano. Quella gioia che non cercavamo ma che neppure evitavamo non arrivata mai! Perché non rimanevo incinta?

Se facessi il conteggio di quanti soldi spesi inutilmente tra test di gravidanza e prove varie, comprese visite, ora sarei quasi ricca...

Secondo i medici non avevo particolari problemi, eppure questo figlio continuava a tardare ad arrivare.

Tra una cosa e l'altra, sono passati ben 10 anni.

Quest'anno, la svolta.

Dicembre 2013.

Decido di andare a festeggiare l'ultimo dell'anno in Puglia con amici. Colgo l'occasione al ritorno per passare dal santo Padre Pio.

Premetto che non sono mai stata una praticante devota di santi, chiese e via dicendo... però sono credente.

Mentre percorro il corridoio che conduce alle spoglie del santo, penso tra me di chiedere una grazia. Quella di avere un figlio per l'anno nuovo.

Non so perché l'ho fatto. Per me è stato come un gioco, nel senso che l'ho chiesto quando ero di fronte a lui.

Ma ripeto: non sono una devota. Credo in Dio, ma mai avrei pensato di credere fortemente ai miracoli come sto facendo ora.

Sono stata davanti al Santo una decina di minuti. Ho scattato 3 foto e in particolare in una mi sembrava di notare l'immagine di un bambino in una ecografia, confermato da amici e familiari. Ma devo dire la verità: non mi sono soffermata più di tanto su quel particolare.

In aprile resto incinta. Non potevo crederci.

Il giorno che lo scoprii ero pronta per andare in bike come solitamente facevo. Pensare che due giorni prima avevo fatto una corsa in bici con tutte le forze che avevo. Mai fatta prima... sembra assurdo.

Oggi sono al settimo mese di gravidanza. E ancora non mi sembra vero. Non posso crederci. Mi chiedo se possa essere vero. Se questa è la realtà.

Credo alla grazia ricevuta nella maniera più assoluta, anche perché a luglio, durante l'eco per il bitest, uscì un immagine...

Io non la notai... mandai l'immagine a mia sorella per farle vedere il feto e lei a sua volta la fece vedere a suo marito. Fu proprio mio cognato a dire a mia sorella che, in quella ecografia, vedeva il volto di Padre Pio.

PADRE-PIO

Mi chiamò ed effettivamente mi resi conto di come una volta messa a fuoco l'immagine fosse così evidente.

Da quel giorno prego e ringrazio Dio tutte le sere... non lo facevo più da anni!

Con questo messaggio non voglio assolutamente convincere nessuno a credere o non credere... non è un messaggio religioso. Ognuno è libero di pensarla e credere a quello che vuole.

Il messaggio che voglio mandare è rivolto a tutte quelle donne, a tante donne, perché lo so che siete tante, che per qualche motivo o anche senza motivo non riescono a provare la gioia più bella della vita.

Non perdete MAI la speranza perché io come nessuna posso dire che i figli sono doni che qualcosa o qualcuno più grande di noi ci manda. Non siamo noi a decidere nulla.

Per quanto mi riguarda, posso pensare a una grazia... 10 anni sono davvero tanti! E' stato un caso? E allora quell'immagine è pura casualità? Per me no.

Donne lottate e mai perdere la speranza.

di Caterina

(storia arrivata sulla nostra pagina Facebook. Ecografia inviata dall'autrice della storia e non verificata dalla redazione)

Storie correlate:

articoli correlati