Home Storie Racconti di genitori

Feste di compleanno all'insegna della genuinità

di mammenellarete - 01.03.2010 - Scrivici

festa_590.180x120
Ultimamente organizzare le feste di compleanno per i bambini è diventato complicato. Sembra quasi che ci sia una tacita classifica di gradimento nella quale sono incluse solo le location più dispendiose: cinema, ludoteca, bowling o in estate addirittura piscina. A questo si aggiunge solitamente un servizio di catering esterno e l'immancabile torta imperiale commissionata alla pasticceria più chic della città che non manca mai di guarnire il gioiello con un goffo ritratto del personaggio preferito dal bambino. Tutto questo ovviamente comporta un esborso economico consistente da parte dei genitori, che in realtà non si aspettano altro che un briciolo di gratitudine da parte della prole, la quale però alla domanda "Ti sei divertito?" non è raro che risponda: "Si abbastanza, ma la cosa che mi è piaciuta di più è stata quando abbiamo giocato a nascondino".

Effettivamente, a festa conclusa ci si accorge spesso che: nessuno ha guardato il film perché erano tutti impegnati a tirarsi i pop corn, nessuno ha giocato a bowling, lo scivolo della ludoteca è stato usato come trincea e la scenografia gonfiabile in fondo non erano poi così gonfia. Per non parlare della torta che è avanzata in quantità industriali e dei panini rimasti che riempiranno il frigorifero per le successive due settimane.

Non staremo qui a professare un'epica "età dell'oro delle feste di compleanno", quando tutto era più semplice e genuino, ma è pur sempre vero che in qualche occasione vale la pena tentare un "ritorno alle origini".

Per la location, ad esempio, è sufficiente occupare un piccolo spazio del parco di rione o affittare a prezzi contenuti una saletta comunale o parrocchiale che comporta solamente l'accollo delle pulizie finali. Quanto alle cibarie, che provengano da prestigiose pasticcerie/gastronomie o dalle mani di nonne e mamme generose non fa molta differenza per i pargoli scalmanati. Quanto all'animazione invece, basta lasciare libera iniziativa agli invitati e tuttalpiù ravvivare i momenti di stanca, incaricando lo zio o la mamma più giocosa di organizzare giochi di gruppo come il ballo della sedia o il telefono senza fili.

Il divertimento per la ciurma dovrebbe essere assicurato e la spensieratezza per i genitori pure, che non dovranno così preoccuparsi di entrare nella top ten delle feste migliori dell’anno!

Foto di .Michi.

articoli correlati