Home Storie Racconti di genitori

Fenomenologia de Le tagliatelle di Nonna Pina

di Barbara - 05.07.2011 - Scrivici

il-piccolo-principe-400.180x120
Barbara, la nostra mamma blogger che su Mamme nella Rete racconterà della sua città per il servizio Family Reporter, ci offre oggi una panoramica sulle famiglie di Bologna, sintetizzato nella celebre canzone Le tagliatelle di Nonna Pina.

Correva l’anno 2003 quando Le tagliatelle di nonna Pina, canzone scritta dal bolognese Gian Marco Gualandi, vinceva la quarantaseiesima edizione dello Zecchino D’Oro collezionando contemporaneamente il titolo di tormentone nazionale insieme a quello di assoluta pietra miliare della musicologia infantile.

[...] Invece oltre la scuola cento cose devo far Inglese, pallavolo e perfino latin-dance E a fine settimana Non ne posso proprio più Mi serve una ricarica per tirarmi su. Ma un sistema rapido, infallibile e geniale Fortunatamente io ce l'ho. Se me lo chiedete per favore Il segreto io vi svelerò Sono le tagliatelle di nonna Pina [...]

Zecchino D’oro

stile di vita dei bambini bolognesi

Diciamo che fuori dalle scuole si fa spesso a gara tra chi ha scelto per i propri figli il passatempo più originale: mia figlia Bianca di otto anni ad esempio, è impegnata solo il lunedì con ginnastica ritmica e chitarra, il mercoledì con danza moderna e il giovedì con l’ever-green del catechismo, e può essere ritenuta una mosca Bianca sia per la scarsità delle attività che segue, sia per la mancanza di originalità nella scelta delle stesse.

È luogo comune parlare di Bologna come di una città dove si vive bene, di una città opulenta; anch’io la penso così e me ne convinco ogni volta di più, osservando le auto parcheggiate fuori dalle scuole negli orari di uscita, oltre all’abbigliamento di mamme e bambini.

Ma c’è un altro dato statistico che ha la sua importanza per capire lo stile di vita dei bimbi bolognesi: l’occupazione femminile nella regione è di gran lunga più alta della media nazionale.

I bimbi bolognesi cioè, sono in larga parte bimbi di madri che lavorano; le nonne di nome Pina (e tutte le altre nonne), assieme alla schiera delle baby-sitter italiane, straniere, a ore o a tempo pieno, hanno dei veri e propri pomeriggi di fuoco scanditi dall’incessante trasferimento dei piccoli da un’attività all’altra. Sono loro i veri capisaldi della vita mai noiosa dei nostri figli. E io assieme alle altre mamme lavoratrici partecipiamo a distanza, grazie al telefono, rimanendo col cellulare in mano in costante contatto con loro.

Infine un ultimissimo dato, ché i numeri mi fanno sbadigliare ma la dicono lunga: i bambini della regione, e ancor più i bambini bolognesi sono per lo più figli unici; il numero delle famiglie con figlio unico è di molto superiore alla media nazionale. Non si fa fatica a immaginare, quindi, il genere di rapporti familiari che una tale situazione comporta: tutta la famiglia ruota su di lui, il prezioso bambino, oggetto di mille attenzioni e tante cure. La sua nonna aspetta l’arrivo della domenica per festeggiare il nipote quasi unico, a cui ovviamente avrà preparato un piatto delle sue immancabili tagliatelle!

[...] La situazione è grave E anche i miei amici Son tutti un po' stressati Per il troppo lavorar. Il tempo pieno a scuola Non lo vogliamo fare Vogliamo star con mamma e papà Ma intanto mi hanno iscritto Anche a un corso di kung-fu Sfruttando l'ora buca fra chitarra e ciclo-cross È veramente troppo Io non ce la faccio più Mi serve una ricarica per tirarmi su Ma un sistema rapido, infallibile e geniale Fortunatamente io ce l'ho Se me lo chiedete per favore Il segreto io vi svelerò Sono le tagliatelle di nonna Pina [...]

articoli correlati