Home Storie Racconti di genitori

Federico: 13 anni di problemi respiratori, oggi un ragazzo sano

di mammenellarete - 08.09.2023 - Scrivici

adolescente.600
Fonte: Shutterstock
Federico: 13 anni di problemi respiratori, oggi un ragazzo sano. E' la storia che ci racconta mamma Anna

In questo articolo

Federico: 13 anni di problemi respiratori, oggi un ragazzo sano

Mi sono sposata che aspettavo già un bambino. Però dopo un po' ho scoperto che non c'era più battito, il mio bambino non c'era più.

Ho aspettato tre anni, non avevo il coraggio di riprovare. Poi all'età di 24 anni è arrivato il mio principe.. Una gravidanza con tante paure, ma non ho avuto problemi.. Doveva nascere il 26 novembre..

Purtroppo l'11 novembre è morto mio padre . Non so se questo centri qualcosa. Abbiamo aspettato ma niente dolori, né contrazioni..

Il 5 dicembre mi ricoverano perché avevo poco liquido amniotico... Hanno aspettato il 9 dicembre quando da un monitoraggio lui dava segni di sofferenza.. Finalmente alle 17.23 nasce Federico, un bellissimo bimbo di 4kg. Nato con taglio cesareo.

Dopo un po' è venuto il pediatra in stanza dicendomi che al momento della nascita non aveva respirato e che per questo lo aveva intubato. Da qui è iniziato il nostro tutto, fatto di ospedale.

I medici mi hanno detto che muoiono più i bimbi nati post termine che i prematuri.. Abbiamo combattuto una battaglia con insufficienza respiratoria, polmoniti. Ogni giorno era un giorno in più.

Tutto l'ospedale lo coccolava, sembrava un bambolotto. Era un grande mangione nonostante l'ossigeno lui. E non ha mai saltato un poppata.
La dottoressa diceva il nostro bimbo è stato il bambino più piccolo a cui è stata fatta una spirometria. Aveva due anni.

Ci sono stati momenti difficili. E' stato anche ammesso alla sperimentazione di un nuovo farmaco che ora si usa comunemente.

Il nostro calvario è durato 13 anni. Poi per miracolo i suoi polmoni hanno iniziato a migliorare.

Ora è un bel ragazzo, alto 1.97. Per 100kg.
Se penso a quanti pianti..

Questo è la nostra storia, spero sia una speranza perché chi è in difficoltà ora.

Questa storia ci è stata raccontata da mamma Anna

TI POTREBBE INTERESSARE