Home Storie Racconti di genitori

Da mamma archeologa a blogger di cucina. Il segreto è proporre ricette che evocano ricordi d'infanzia

di mammenellarete - 26.01.2016 - Scrivici

foto1.600
Fonte: Silvia Pianigiani
Ogni bambino reagisce in maniera diversa all'esperienza dello svezzamento ed ogni genitore sceglierà il percorso più adatto alle esigenze del proprio figlio e dei suoi gusti. Però la tendenza più giusta è quella di comprare prodotti quasi sempre freschi, biologici o di provenienza sicura. Ecco la storia dietro al blog Guscio di Noce di Silvia Pianigiani. Parla di ricette e piatti che spesso rievocano ricordi d’infanzia, che trasmettono calore e provocano sorrisi e qualche pianto di commozione; spesso dietro ad un frullato che ci preparava la mamma si nasconde una nuvola di ricordi. 

Tutto ebbe inizio tanto tempo fa, quando ero solo una bambina: il mio sogno era quello di possedere una cucina giocattolo, forse perché nella mia famiglia avevamo una importante tradizione culinaria, forse perché ero già una buona forchetta. Fatto sta che nessuno ha mai ascoltato le mie preghiere: inutili le letterine a Babbo Natale, alla Befana e alla Fatina dei dentini, per non parlare delle richieste a nonni, zii, genitori, vicini di casa, ecc.

Nessuno comprendeva il forte desiderio che provavo! Nonostante questa “enorme mancanza” la mia fu un’infanzia molto serena e spensierata, ma il desiderio di possedere quella piccola cucina crebbe con me.

Mi chiamo Silvia. Nacqui a Firenze in una data non troppo lontana nel tempo e sono mamma di due piccolini che crescono in fretta.

Sono archeologa per amore delle “cose vecchie, vissute che hanno una storia da raccontare”, cuoca per tradizione familiare e perché amo mangiare e far mangiare: è importante per me far sentire i sapori degli ingredienti che utilizzo nei miei piatti, li scelgo freschi, di stagione e di qualità andando spesso sul "biologico" e su una sicura provenienza.

L’obiettivo è sfatare il mito che etichetta la cucina genuina come composta da piatti apatici, pallidi e senza sapore: a casa mia i piatti sono sani, colorati e golosi. Basta avere fantasia, passione ed essere dei buongustai! Quando iniziai il percorso dello svezzamento non fui sopraffatta da un forte entusiasmo e il desiderio di far passare i primi mesi di vita di mio primo figlio il più lentamente possibile era l’obiettivo principale. Perché?

Il primo mese in cui una donna partorisce è forse il più difficile, ma anche quello che con il passare degli anni scorderà meno, è come vivere in una enorme BOLLA: amici, parenti, marito si prendono cura del bimbo e della mamma come fossero creature speciali, quasi aliene. Il cucciolo dipende solo da te, mamma, solo te riconosci i suoi pianti e le sue esigenze; odorate degli stessi profumi, dormite di giorno, di notte; se dorme uno, dorme l'altro, senza un orario preciso alla ricerca insieme di una quotidianità.

Giornate che volano, stancanti, ma che poi mancheranno! Arrivato troppo in fretta il quinto mese di vita, aprii le porte di un altro capitolo, così - per farmelo piacere - cominciai a pensare come rendere il più possibile golose le pappe da preparare a mio figlio, anche con i pochi ingredienti concessi.

Mio marito, entusiasta di ripulire il piattino, mi suggerì di far nascere un blog, un blog che fosse un ricettario, che potesse suggerire soluzioni creative per rendere appetitosi piatti destinati ad una fascia di clienti sottovalutata dai ricettari comuni, pensando che anche i più piccoli avessero diritto a mangiar bene e sano!

Giorno dopo giorno, pappa dopo pappa, un passo alla volta, abbiamo insegnato ai nostri bimbi a gustare il buon sapore che ha la NATURA: per loro il dessert è una fetta di cocomero, una mela, una pera; la merenda è pane e marmellata o pane e pomodoro, un frullato di frutta fresca e yogurt; con questo voglio specificare che anche una torta al cioccolato può essere sana, basta scegliere dei buoni ingredienti.

Personalmente compro prodotti quasi sempre freschi, biologici o di provenienza sicura ed assicuro che il risparmio c’è con molto più lavoro tra i fornelli! Il mio blog non ha la pretesa di essere un manuale di istruzioni sullo svezzamento: per noi è stato un percorso importante ma molto personale. Ogni bambino reagisce in maniera diversa ed ogni genitore sceglierà il percorso più adatto alle esigenze del proprio figlio e dei suoi gusti, i consigli sono importanti ma le etichette a mio avviso inutili, ognuno di noi deve fare quel che si sente.

Parlo di ricette e piatti che spesso rievocano ricordi d’infanzia, che mi trasmettono calore e mi provocano sorrisi e qualche pianto di commozione; spesso dietro ad un frullato che ci preparava la mamma si nasconde una nuvola di ricordi.

Il mio unico vero consiglio? Cucinate ai vostri figli dei RICORDI: gli lascerete nella mente immagini, profumi e sapori e nei cuori tante emozioni!

ECCO LA GALLERIA FOTOGRAFICA CON LE RICETTE

Sull'autrice

Silvia Pianigiani da un annetto ha creato un blog che si occupa di ricette per lo svezzamento e prima infanzia. Senza la pretesa di dare lezioni cerca solo di creare ricette golose anche per i bambini più piccoli! Essendo mamma di due piccole belve di un anno e tre anni ed odiando la monotonia per natura, cerca sempre di creare piatti sani ma invitanti, perché farli mangiare bene non vuol dire presentarsi con cibi apatici e privi di sapore! Se volete darci un'occhiata... www.ilgusciodinoce.it

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati