Home Storie Racconti di genitori

Campagna ACI per la sicurezza dei bambini in automobile

di mammenellarete - 08.07.2010 - Scrivici

aci_590.180x120
Quello della sicurezza stradale dei bambini è un problema molto sentito e, almeno in Europa, lungi dall'essere risolto. Sul fronte della, in particolare, della sicurezza in auto, i dati sono abbastanza sconfortanti. Come si legge su motorionline.com, l'ACI, Automobile Club Italia, ha testato 119 dispositivi negli ultimi tre anni, arrivando ad aumentare i promossi all'esame di sicurezza dal valore pari ad 85% del 2008 a quello pari a 96% del 2010. Tuttavia, il dato più preoccupante è quello che indica la percentuale di bambini europei sprovvisti di seggiolino: ben il 40%. Questo si traduce in cifre spaventose in termini di incidenti stradali. Ben 5.000 bambini muoiono ogni anno sulle nostre strade, a causa anche di questo dettaglio.

«Troppi automobilisti dimostrano una scarsa cultura della sicurezza – dichiara il Presidente di ACI, Enrico Gelpi – anche a scapito dei propri figli. I test evidenziano un netto miglioramento degli standard di protezione dei seggiolini, ma c’è ancora poca attenzione nelle informazioni rivolte alla clientela: istruzioni poco chiare non facilitano il montaggio e l’uso corretto dei seggiolini, compromettendone l’efficacia.

L’Automobile Club d’Italia ha avviato corsi di formazione in tutte le sedi sul territorio, nelle ASL, negli ospedali e nelle scuole affinché i genitori siano più consapevoli dell’utilità di questi sistemi di sicurezza. L’iniziativa, denominata "Trasportaci Sicuri", insegna i criteri di scelta del seggiolino più idoneo e le procedure per il corretto utilizzo».

È buona norma che, per viaggiare nella corretta ed assoluta sicurezza, i bambini vengano allacciati ad un dispositivo conforme al loro peso, dotato di schienale e protezioni laterali, installato correttamente seguendo le istruzioni di montaggio allegate ed omologato. Non è possibile prescindere dall’uso del seggiolino, non solo dacché lo prescrive il Codice della Strada, ma soprattutto dal momento che le cinture di sicurezza e gli airbag sono progettati per persone adulte e non offrono una protezione efficace ai bambini, risultando addirittura pericolosi.

Gli incidenti su strada rappresentano la causa di morte primaria, sul Vecchio Continente, per i ragazzi tra i 5 e i 13 anni: ogni anno perdono la vita 12.000 minorenni, 5.000 dei quali sono bambini. Ancora più spaventoso il dato che recita così: un genitore su quattro giustifica il mancato utilizzo del dispositivo con la scarsa propensione del bambino a stare seduto, il 22,7% lo ritiene superfluo e il 18% addirittura non lo giudica necessario, dacché lo spostamento è di breve durata. Non saremo – forse – noi un aggravante sulla sicurezza dei nostri figli?

Sul sito dell'ACI potete scaricare la brochure relativa alla compagna "Trasportaci Sicuri" con tutte le indicazioni pratiche per una corretta sicurezza dei bambini in automobile.

articoli correlati