Home Storie Racconti di genitori

Batticuore (seconda parte)

di mammenellarete - 24.01.2008 - Scrivici

Segue dal post precedente... 3)In che modo la tua figura è stata importante per la tua lei?E'andata come volevi?Avresti voluto fare di più?

Fare un figlio é un avventura, é un percorso che si inizia in due e si finisce in tre. . . non riesco ad immaginare un percorso fatto da solo, forse perché sono un uomo e quindi non posso rimanere incinta. E' un percorso pieno di bivi, e ad ognuno devi decidere quale strada prendere: sinceramente é meglio avere sempre qualcuno vicino che dica la sua, che sicuramente non é decisivo ma che é fondamentale per valutare più scelte, per avere un'altra visione delle cose che non sono mai come te le immagini.
Non penso avrei potuto fare di più, l'uomo può suggerire, aiutare, rendere la vita di Lei più confortevole possibile, ma più di tanto . . la pancia ce
l'ha lei e tu diventi per un periodo solo la spalla dove appoggiarsi.

4) Ti sei sentito mai escluso in quanto "non detentore" del pancione?
Devo ringraziare la mia Lei per non essermi mai sentito escluso in alcun modo, anzi ormai si parlava solo al plurale, fino al "Abbiamo partorito". Non puoi sentirti escluso a meno che non decidi di esserlo, tanti padri vogliono proprio esserlo ed immaginano che la nascita di un figlio sia solo un dovere della donna. . . ebbene per la mia esperienza posso solo dire che fino alla fine ho fatto una gravidanza, ho vissuto i dolori e i piaceri, le voglie e le nausee. . .

5) E la sessualità, ti è mancato qualcosa, si è trasformato qualcosa?
Il sesso penso sia la base per un rapporto umano, é quello che ci rende più vicini agli animali e che fa scaturire le passioni e i sentimenti per un'altro essere umano. Ormai tabù della nostra società, nel nostro caso invece é sempre stato la base del nostro rapporto.
Lo vivi prima come divertimento e scoperta, e poi ti rendi conto che é proprio quello che ti farà vivere al massimo. . . concepire un figlio.


Poi esiste un periodo fantastico, cioè dal 4 mese in poi, in cui la libido delle donne aumenta, perché aumenta di fatto la sensibilità nelle zone interessate, e quindi il tutto viene amplificato. Amplificazione che poi però diminuisce nelle ultime settimane prima della nascita per poi diventare quasi un tabù dopo. Si crea una nuova relazione fisica tra la madre e il figlio che va a riempire tutti i desideri di lei e quindi in effetti ti senti escluso. Per non cadere in una "depressione sessuale", bisogna proprio capire questo, cioè bisogna trasportare quel bisogno di contatto fisico verso il figlio, esattamente come fa la tua Lei, per viverlo al meglio e piano piano riportarlo insieme tra la coppia.

6) Come ti rapporti con un figlio quando pensi al mondo e a quello che troverà?
Penso che l'unico modo é quello di cercare di cambiare intanto il mondo che gli sta attorno, cioè fargli conoscere un tipo di mondo e di rapporti che tu vorresti per tutti, poi si spera che qualcosa cambierà ma che almeno lui consideri il normale quello che tu vorresti. Forse i momenti primordiali di vita sono quelli che formeranno le sensazioni dell'esterno, di questo mondo che ti sta attorno e che non é più liquido e caldo. . . per questo abbiamo deciso di farlo nascere in campagna, le sue prime notti le ha passate nelle valli di Volterra con i rumori di grilli e uccelli. . . fino al terzo mese non ha conosciuto la città ma é passato dalla campagna al profumo e al "rumore" del mare siciliano. . .
Prima di concepire mentalmente un figlio, il problema stava proprio qui, in quello che troverà. Abbiamo anche perso del tempo a cercare di modificarlo, questo mondo, e alla fine dopo svariate sconfitte ma anche battaglie vinte ho pensato che l'unico modo sia quello di istruire le nuove menti; é inutile cercare di convincere un trentenne che buttare una carta a terra "sporca", é più semplice educare un bambino a non farlo.

Quindi meglio fare figli, cercare di educarli in questo modo, e far si che loro cambino il mondo. . .

7) La tua vita di coppia ne è uscita vincente o ha accusato il colpo?
Penso che l'unico scopo della vita di coppia sia procreare, quindi per quanto si possano accusare dei colpi, tutto questo non conta niente perché la cosa più importante é portare l'amore della coppia in nuovo corpo!!!


Cliccate sull’icona per sentire il cuoricino di Jamal!

TI POTREBBE INTERESSARE