Home Storie Racconti di genitori

"Apprendere la maternità"

di mammenellarete - 30.03.2010 - Scrivici

verena_590.180x120
Verena Schmid, ostetrica da 31 anni, ha seguito una generazione di donne con i loro figli, accompagnandole attraverso tutto l'arco della loro maternità e dei loro cicli femminili. Ha fondato  prima un centro per la maternità naturale, poi una scuola di fisiologia e una rivista professionale, sviluppando un approccio salutogenico alla maternità e alla salute femminile. Dopo il best-seller "Venire al mondo, dare alla luce" (2005) e "Salute e nascita" (2007), il 7 aprile uscirà sempre per Urra editore la sua ultima fatica letteraria: "Apprendere la maternità - Le nuove sfide di oggi tra natura e cultura".

Il nuovo testo dell'ostetrica affronta tutti gli stereotipi culturali che gravano sulla condizione femminile, rendendo difficile l'integrazione, nella vita di ogni donna, la cura del bambino e gli interessi personali, sociali o professionali. Il parto si è trasformato in un evento medico, tecnologico, di fronte al quale anche le donne fortemente acculturate capitolano impotenti consegnandosi nelle mani di chi, secondo loro, sa.

Il sapere invece sta nel corpo, sostiene la Schmid. Apprendere la maternità, la ciclicità femminile, allenare il corpo, risvegliare i suoi saperi diventa oggi una necessità come l'educazione sessuale: occorre ritornare alle competenze endogene e innate tramite l'uso di strumenti culturali e corporei idonei a riconoscere il sapere interiore originario.

Questo apprendimento ha però bisogno di un territorio culturale e sociale di approvazione e condivisione per resistere alle pressioni attuali. I gruppi pre- e postnatali, condotti in modo attivo, possono offrire questo territorio. Il libro offre gli strumenti culturali e professionali a chi desidera proporre gruppi per la maternità, sia prima che dopo il parto, e fornisce alle future mamme e ai papà un'occasione per conoscersi e riflettere sulle nuove sfide della genitorialità.

Poiché la maternità contiene in sé e rappresenta tutti i passaggi della vita femminile nei suoi tratti essenziali, il testo si estende anche agli altri cicli femminili. Ogni passaggio ciclico forma infatti le basi per quello successivo ed è allo stesso momento frutto di quelli precedenti.

articoli correlati