storia

La paura di avere mio padre in ospedale col Covid-19

Di mammenellarete
coronavirus-uomo-anziano
9 aprile 2020
Un papà di due bambine racconta il suo dramma di avere il padre anziano ricoverato in ospedale per Covid-19.
Facebook Twitter More

 

La nostra vita fino a un mese fa

 

Sono un papà di due meravigliose bambine

Ciao,

chi vi scrive è un papà di due meravigliose bimbe di due e sei anni.
Abitiamo in un paesino, ci conosciamo tutti. Vita sana e all'aria aperta fino a un mese fa.
Poi... tutto cambia.

 

Mio padre ha iniziato con tosse secca e febbricola

 

Perché non penserai mai che capiterà a te, guardi tutto da fuori e non ci puoi credere

Mi sembra di rivivere quei giorni come in un film.
Tutto è iniziato con una tosse secca e un po' fastidiosa. Di mio padre. I miei all'inizio non hanno voluto allarmarci e non ci hanno detto nulla. Poi, diciamolo, una tosse un mese fa non era così preoccupante!
Tosse secca giorno e notte per un po', finché anche una subdola febbricola ha iniziato a fare capolino.
Mia madre ha drizzato le antenne... ma ha anche iniziato ad andare in panico. Ho preso in mano la situazione, cercando di far mantenere a tutti la calma.

Abbiamo contattato il nostro medico. Con tosse e un po' di febbre non si può fare nulla. Non si può neanche andare in ospedale. Ora hanno ben altre urgenze. Certo... potrebbe essere Covid...
Ci ha seguito molto il nostro medico e consigliato cosa fare per monitorare la saturazione di ossigeno del sangue di papà.

Leggi anche: Un papà in quarantena

 

Il peggioramento: la febbre si alzava e mio padre iniziava a respirare male

 

Sembrava tutto andasse per il meglio: mio padre ha una grande tempra


Avevamo invece perso mia madre... stava letteralmente crollando dalla preoccupazione.

Febbre e tosse, tosse e febbre. Per giorni.
Poi... la febbre inizia ad alzarsi all'improvviso.  A 39. Non va più via con gli antipiretici. Non si riesce proprio a tenere a bada.

Mio padre inizia a respirare male, sempre peggio. Qui abbiamo bisogno di altro ossigeno! Nel frattempo anche mia madre ha iniziato ad avere la tosse... non stavo andando a trovarli per non contagiare la mia famiglia a casa. Consegnavamo tutto il necessario tra spesa e medicine sull'uscio. E li vedevamo su FaceTime per gli aggiornamenti.
In una notte molto lunga e difficile abbiamo fatto portare nostro padre in ospedale. È dura quando senti al tg che la gente lì muore. Che non lo potrai rivedere magari. Che non ci puoi comunicare come vorresti.

 

Ma a noi è andata bene.

Ringrazio tutti i medici e gli operatori che ci hanno seguito.

Oggi mio padre è fuori pericolo.

 

 

Se stiamo a casa, andrà tutto bene

 

L'abbiamo vista davvero dura...   

I primi giorni ci avevano preparati al peggio. Ma sta finalmente migliorando. Mia madre invece sembra stabile. Le facciamo misurare la febbre e ogni volta è un terno all'otto sperando non le venga.
Questa malattia è una brutta bestia. Subdola, si insinua nella tua famiglia e prende ciò che a te è poi caro come nulla fosse. Se ne approfitta del tuo amore e della vicinanza per contagiare chi ti è vicino.

Insieme, ma distanti, ce la faremo.


Mi raccomando, state a casa.

Un papà