Home Storie Pancione

Positiva alla rosolia in gravidanza. Che paura!

di mammenellarete - 13.03.2014 - Scrivici

gravidanza-e-rosolia1.180x120
Buongiorno a tutti! Dopo una lunga e interminabile ansia, ecco che finalmente in casa nostra si può respirare aria di serenità. Vorrei raccontarvi quello che mi è accaduto, dovesse capitare (e non lo auguro a nessuno) anche a voi. Ora sono alla 21esima settimana di gravidanza... Ma facciamo un passo alla volta e torniamo indietro.

Iniziamo il racconto da quando scoprii di essere incinta. Andai dal mio solito ginecologo viste le due precedenti gravidanze, ma non mi trovai più bene: lui ormai era in pensione e lo trovai molto assente.

Ho cambiato ginecologa dopo la prima visita con lui. Mi chiese subito i primi esami del sangue effettuati con il precedente medico... nell'attesa ho deciso di fare la villocentesi: era tutto a posto.

Ma alla ginecologa mancavano gli esami della rosolia... così, subito, me li fece fare e risultarono dubbi. Li rifeci un mese dopo... e ancora dubbi.

Quindi sono stata spedita a Pavia nel centro infettivologo a ripetere gli esami. Mi chiamano dopo 3 giorni dicendo che ero positiva alla rosolia e che avrei dovuto rifare esami dopo 4 settimane perché il rischio di aver contratto la malattia in gravidanza era alto... Igm positive e igg positive....

Rifaccio l'esame dopo un mese. Intanto il tempo passa, mi richiamano e confermano che le igg sono ancora positive e igm anche. Il fatto che le igm sono calate un po' non piace alla ginecologa. Decidiamo insieme di fare l'amniocentesi, effettuata 3 giorni fa perché era l'unico esame che potesse confermare il tutto.

Io, presa dalla disperazione, decido di farla e di inviare il siero a Pavia per esaminarlo. Intanto la ginecologa mi spiega che se avessi avuto esito positivo, avrei dovuto decidere in due giorni se portare avanti la gravidanza o no (visto che sono alla 21esima settimana).

Non c'era più tempo per decidere... PANICO...

TUTTO si è concluso per fortuna con esito negativo, ma non potete immaginare l'ansia, la disperazione, quando mi dissero che all'80% la rosolia aveva invaso il mio corpo.

Ora finalmente è tutto terminato e posso godermi ed aspettare con serenità la nascita del mio Francesco.

di Marta

(storia arrivata come messaggio privato sulla nostra pagina Facebook)

Storie correlate:

articoli correlati