Home Storie Pancione

Musica per la gravidanza e il neonato

di mammenellarete - 29.03.2010 - Scrivici

musicoterapia_590.180x120
I ricercatori dell’Università Vita-Salute San Raffaele e della Divisione di Neuroscienze dell’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano, hanno recentemente scoperto, mediante l’utilizzo della risonanza magnetica funzionale (FMRI), che esiste nei neonati un preciso meccanismo neurale alla base della comprensione di uno dei più antichi linguaggi dell’uomo: la musica. In questo senso acquista ancora più significato l'iniziativa della Fondazione Premio Altino che, ha da poco inaugurato sul suo sito una sezione dedicata alla musicoterapia proprio per le donne in gravidanza e per il neonato.

Prof. Leonardo Trevisan

sito

"Fin dagli anni Ottanta - racconta lo stesso Trevisan - mi sono proposto lo studio, la ricerca e l'analisi dell'ascolto della musica perché ho riscontrato che tale arte influisce, in parte negativamente e in parte positivamente, sulla gestazione e sullo sviluppo sensitivo del bambino fin dalla nascita.

L'ascolto musicale esercita un ruolo molto importante nel bambino, facendo appello a tutte le facoltà, e precisamente: all'affettività, per quel che riguarda la melodia musicale; alla sensorialità per quanto riguarda il ritmo, il suono; all'intelligenza, per tutto ciò che è armonia e presa di coscienza del linguaggio musicale.

L’ascolto musicale sviluppa inoltre la sensibilità, il temperamento, la maturità. Arte che per alcuni opera pure come terapia, nel senso di rilassamento della tensione nervosa e soprattutto dello stress lavorativo.
La formazione del gusto artistico è comunque una delle mete fondamentali di ogni civiltà."

Foto di Heart Industry

articoli correlati