Home Storie Pancione

Massaggi per evitare le smagliature su seno, pancia e glutei in gravidanza

di mammenellarete - 08.11.2011 - Scrivici

seno-400.180x120
Durante la gravidanza la pelle subisce particolari mutamenti e stress, come il cloasma gravidico e la linea nigra, e nelle zone del seno e della pancia ma anche dei glutei si tende molto, rischiando la formazione di smagliature. Ecco come prevenirle rendendola più elastica e tonica.

Ti potrebbero interessare anche...

Consigliamo sempre l'olio di mandorle dolci per la sua delicatezza e compatibilità con tutti i tipi di pelle, anche del neonato, e per le sue proprietà emollienti e nutrienti. L'olio di mandorle ammorbidisce la pelle e la rende elastica e viene usata molto, in particolare durante la gravidanza, per evitare le smagliature.

Fin dalle prime settimane di gravidanza i sintomi sono percepibili in particolare per quanto riguarda il seno, che a causa del progesterone che aumenta può diventare sentibile e irritabile, con fastidio ai capezzoli e un lieve mutamento della pigmentazione.
Nei mesi successivi si inturgidisce e diventa più pesante, più teso e spesso più sensibile. È importante prendersi cura del seno quotidianamente per mantenere la pelle compatta ed elastica.

Massaggi per il seno
Potete stare sdraiate o sedute. Scaldate una piccola quantità di olio nel palmo della mano e applicatelo a partire dalla base del seno, senza dimenticare le areole, fino alle clavicole. Stendete l'olio in maniera uniforme e, a seconda del vostro grado di sensibilità, massaggiate dall'alto verso il basso.

L'addome è la parte più esposta a stress durante la gravidanza, in quanto non solo deve contenere il feto in crescita, ma deve sostenerne il peso.
Le smagliature possono presentarsi fin dall'inizio della gravidanza, e questo fenomeno è dovuto all'assottigliamento dell'epidermide e dalla rottura delle fibre elastiche.
L'olio va usato sin dai primi giorni della gravidanza almeno una volta al giorno, e due volte al giorno nell'ultimo mese.
L'olio da solo però non basta: la pelle mantiene la sua elasticità anche grazie al movimento, ai cibi ricchi di acidi grassi polinsaturi (mandorle e semi oleosi, olio di semi di lino, soia, olio d'oliva), all'apporto di acqua (1,5l al dì) e alla moderatezza nell'assunzione di zuccheri.

Massaggi per l'addome
Il massaggio non solo distende e elasticizza la pelle, ma è anche benefico per il contatto fra la madre e il nascituro. Sedetevi su una sedia o sul letto, con la schiena appoggiata e i piedi leggermente sollevati, scaldate l'olio fra le mani e distribuitelo su tutto l'addome effettuando movimenti circolari per almeno cinque minuti.

Anche fianchi e glutei subiscono delle trasformazioni: l'inevitabile aumento di peso fa sì che i tessuti della pelle subiscano stiramenti e stress, pertanto anche questa zona è particolarmente coinvolta.

Massaggi a fianchi e glutei
Distribuite l'olio su fianchi e glutei con movimenti circolari. Praticate dei movimenti sempre più decisi e circolari sui fianchi, poi, in piedi, impastate i glutei proseguendo verso la base delle cosce. Avvicinate le mani all'osso sacro, formate i pugni e sfregate dall'alto in basso, dal coccige alla vita e viceversa per un paio di minuti. Proseguite questo movimento verso i fianchi.

---
Ti potrebbero interessare anche...

Flickr

articoli correlati