Home Storie Pancione

Mamme nella rete intervista Cinzia Schiaffonati per sapere di più sui rimedi naturali in gravidanza

di mammenellarete - 09.05.2011 - Scrivici

Cinzia-Schiaffonati-400.180x120
Mamme nella rete ha intervistato Cinzia Schiaffonati, erborista esperta di rimedi fitoterapici e di floriterapia, per sapere di più sulle erbe mediche e il loro impiego durante la gravidanza. Mamme nella rete - Come ti sei avvicinata alla disciplina dell'erboristeria? Cinzia Schiaffonati - Mi sono avvicinata al mondo erboristico gradualmente, non è stato un colpo di fulmine, e grazie ad alcune esperienze e persone incontrate (non solo professionalmente), il mio modo di concepire la malattia è cambiato, ho imparato con il tempo a fidarmi del mio "sentito personale " piuttosto che del "bugiardino" contenuto nella scatola dei farmaci. Mi spiego, non ce l'ho con i farmaci, il mio approcio con la medicina naturale è nato dalla necessità di capire meglio quanto il mio corpo cercava di comunicarmi, dal piccolo mal di testa ai disagi intestinali. La mia gravidanza ha sicuramente accelerato questo passaggio, lasciandomi in eredità una certa sensibilità che è fondamentale per comprendere quanto di buono la natura ci offre.

MNR - Qual è la differenza tra omeopatia e erboristeria?

CS

aspetto tecnico

aspetto metodologico e di concetto

le basi dell'omeopatia nascono con Ippocrate

legge dei simili

la salute dipende dall'equilibrio tra mente e corpo

fitoterapia

cura eseguita con medicamenti di origine vegetale

MNR - Hai mai avuto clienti in gravidanza che ti hanno chiesto rimedi erboristici per i loro disturbi? CS - Si, negli anni ho avuto diverse clienti in gravidanza che mi hanno richiesto un rimedio specifico, a volte solo un consiglio e spesso qualcosa in più. Molte donne, soprattutto primipare, sono entrate in erboristeria convinte di avere un disturbo solo fisico e poi ne sono uscite facendo un piccolo autoesame e guardando cosa poteva non andare nella propria vita. Ricordo una giovane donna che portò avanti la gravidanza preoccupata quasi completamente dal suo aspetto fisico, non aveva mai tempo per riposarsi, convinta che il riposo fosse sinonimo di debolezza, alla fine, verso l'ottavo mese, dovette arrendersi alla stanchezza e capire l'inutilità di certi ritmi per dare ascolto al proprio corpo. In quell'occasione non consigliai alimenti o integratori ergogenici che sarebbero stati inutili, ma semplicemente un fiore di Bach che le consentisse di acquistare consapevolezza del cambiamento che stava avvenendo in lei.

MNR - Quali sono i mali più comuni che una donna incinta può curare con le erbe? CS - I malesseri più comuni che si possono curare con le erbe sono la stipsi, l'insonnia, il vomito e bruciore di stomaco, la cistite e piccoli disagi psicologi in risposta ai cambiamenti ormonali.

MNR - Quali sono le erbe sconsigliate durante il periodo della gestazione?

CS

In genere si preferisce non somministrare quasi nulla nel primo trimestre

MNR - Nei secoli passati, le donne che sapevano usare le erbe venivano chiamate streghe. Tu ti senti un po' strega? CS - Questa domanda mi permette di spiegare come mai ho scelto proprio il nome Amadriade per la mia erboristeria, la parola deriva dal greco e significa fata protettrice della quercia, come vedi c'è in me un certa predisposizione alle credenze popolari e se strega è anche sinonimo di sciamano, perchè no, lo ritengo un complimento!

MNR - Vuoi suggerire una ricetta per una tisana lenitiva, la più semplice o la sua preferita da consigliare alle donne in gravidanza? CS - La mia tisana preferita si chiama PTM, P come 30g di Passiflora, T come 30g Tiglio e M come 30g Melissa, è semplice da ricordare e buona da bere, prendetene un cucchiaio da minestra per ogni tazza, se volete con una spruzzatina di limone!

MNR - Le donne incinte sono più attente alla salute e quindi si rivolgono più frequentemente alla medicina naturale, oppure preferiscono affidarsi alla scienza farmacologica? CS - Diciamo che ci sono, se vogliamo semplificare, donne che si affidano al rimedio naturale, sono donne moderne e critiche, che hanno imparato a prendersi cura di sé. Ma ci sono anche donne che non riescono a fare a meno della medicina, convinte che solo il medico sappia cos'è meglio per loro. La medicina è importante, ma altrettanto importante è considerare l'aspetto emozionale che ogni donna porta dentro di sé.

Cinzia Schiaffonati Erboristeria Amadriade di Cinzia Schiaffonati a Sarmato (PC)

articoli correlati