Home Storie Pancione

Le cisti ovariche

di mammenellarete - 10.04.2009 - Scrivici

cisti-ovariche_big.180x120
In ambito femminile si sente spesso parlare di cisti ovariche, ma cosa sono in realtà e quali rischi si corrono? Una cisti ovarica consiste in una raccolta di liquido a carico dell’ovaio e può avere a volte consistenza solida, altre volte consistenza in parte liquida ed in parte solida. Cisti funzionali Esistono le cosiddette cisti funzionali, una situazione del tutto normale in una donna con il ciclo mestruale: queste cisti tendono a formarsi in modo fisiologico per effetto dell’ovulazione e con il passare del tempo vanno incontro a riassorbimento – nel giro di qualche settimana - . La sacca che si forma durante l’ovulazione che contiene l’ovulo, ad un certo punto del ciclo mestruale, scoppia liberando l’ovulo. Nel caso delle cisti funzionali o follicolari, ciò non avviene e la sacca continua a cresce.

Se la cisti compare in menopausa, essa non può essere di tipo funzionale, ed è qui che il medico farà le dovute considerazioni in merito, consigliando l’ecografia. La presenza della cisti in questo caso è legata a molti fattori come l’età, l’obesità e può anche essere connessa alla presenza di una certa sintomatologia: dolori addominali, rigonfiamento addominale, stitichezza e sazietà anche solo dopo aver mangiato molto poco.

Sintomi

Molte donne hanno cisti ovariche asintomatiche. Però a volte una cisti può causare i seguenti disturbi:

• Pressione, gonfiore o dolore nell'addome • Un dolore sordo nella regione lombare e nelle cosce • Problemi a espellere completamente l'urina • Dolore durante i rapporti sessuali • Aumento di peso • Cicli mestruali dolorosi o sanguinamento anormale • Nausea o vomiti • Acne e irsutismo

Ecografia

Il ginecologo valuta la presenza e lo stato delle cisti attraverso l’ecografia che può essere:

- transaddominale: se si esegue son la sonda appoggiata sull’addome che analizza la situazione. La vescica deve essere piena d’acqua per avere una maggiore visibilità; - transvaginale: si esegue con l’introduzione, in vagina, di una sonda stretta e lunga avvolta da un guanto protettivo che controlla lo stato ovarico in modo più specifico ed approfondito. Nessun tipo di ecografia risulta dannoso o doloroso.

Esame CA125

È un controllo che viene eseguito dalle donne affette di cancro all’ovaio, ma serve solo per valutare come queste stiano rispondendo alle cure. È un semplice esame del sangue che è richiesto in donne con cisti ovariche per verificare la presenza, o meno, del carattere canceroso della cisti stessa.

Il livello di CA125 normalmente è inferiore a 35, anche se in donne affette da endometriosi o fibromi, ad esempio, può anche risultare maggiore, ma loro si trovano in condizioni di benignità.

Markers

Sono test che valutano la natura di una cisti e sono: CEA, CA199, LDH, alfafetoproteina, HCG.

Le cure

Se le cisti non sono frequenti il ginecologo può prescrivere un trattamento con la pillola anticoncezionale per bloccare l’ovulazione ed evitare la formazione di altre cisti.

Laparoscopia. Si esegue quando la cisti è benigna e sembra piccola in ecografia. Si pratica l’anestesia generale con un piccola incisione nella parte superiore o inferiore all’ombelico, dopodiché viene inserito in addome un piccolo strumento che funziona come un telescopio. Se si confermano le piccole dimensioni e la benignità, si procede con l’esportazione.

Laparatomia.

Si esegue se la cisti è grande ed appare strana. La procedura consiste in incisioni più grandi per rimuoverla. Se risulta cancerogena, il ginecologo potrebbe anche rimuovere ovaio, altri tessuti come utero e linfonodi. Tutto dipende dalla gravità della situazione.

Hai mai avuto problemi di cisti ovariche? Dillo sul nostro forum!

TI POTREBBE INTERESSARE