Home Storie Pancione

La gravidanza gemellare

di mammenellarete - 27.05.2011 - Scrivici

gemelli_400.180x120
Come nascono i gemelli? L'ovulo fecondato si divide in due o più parti, e a seconda del momento in cui questo accade, si presenteranno diverse gravidanze gemellari.

Gemelli dizigoti (o eterozigoti)
Nel 70% delle gravidanze gemellari accade che due cellule uovo vengano fecondate da due diversi spermatozoi. Il risultato sono due gemelli dizigoti, cioè geneticamente diversi. I due zigoti si installano separatamente nella parete uterina, e questo determina una gravidanza gemellare bicoriale: i due feti si sviluppano in due sacchi gestazionali distinti, e perciò in due placente separate. La possibilità di partorire due gemelli dizigoti aumenta con l'aumentare dell'età della madre e nel caso di episodi di gemellarità da parte della famiglia materna.

Gemelli monozigoti (o omozigoti)
I gemelli monozigoti sono sostanzialmente identici, nel sesso e nell'aspetto, e i feti possono svilupparsi in modi differenti. Una cellula uovo viene fecondata da uno spermatozoo, ma successivamente lo zigote si divide, e a seconda del momento di divisione si possono presentare differenti situazioni:


  • La divisione tra il primo e il terzo giorno dalla fecondazione dà luogo a due embrioni che si impiantano separatamente, e quindi a una gravidanza gemellare bicoriale e biamniotica (due sacchi amniotici e due placente separate)
  • La divisione avviene tra il quarto e l'ottavo giorno dopo la fecondazione, e il risultato è una gravidanza monocoriale e biamniotica (una sola placenta e due sacchi amniotici)
  • Se la divisione avviene tra il nono e il dodicesimo giorno, il risultato è una gravidanza monocoriale monoamniotica. I gemelli cresceranno nello stesso sacco amniotico
  • Se la divisione avviene dopo il tredicesimo giorno, ma il caso è rarissimo, il risultato è una gravidanza monocoriale monoamniotica con gemelli congiunti (i gemelli siamesi)

Gravidanza bicoriale

gravidanza gemellare

due sacchi gestazionali

due placente distinte

amnios

corion

Gravidanza monocoriale biamniotica
La gravidanza monocoriale biamniotica accade una volta su 400. I due feti, geneticamente identici, condividono la placenta, ma si trovano in sacchi amniotici separati.

Gravidanza monocoriale monoamniotica (MCMA)
La gravidanza monocoriale monoamniotica è un evento piuttosto raro, che avviene una volta su 100 gravidanze monocoriali.
La MCMA è, per definizione, caratterizzata da un'unica placenta in comune tra i due feti e dall'assenza di una membrana di separazione, tale per cui entrambi i gemelli sono ospitati in un'unica cavità amniotica. Si stima che i gemelli monocoriali monoamniotici rappresentino circa 1 gravidanza su 25.000 (1% delle gravidanze gemellari monozigotiche).

Gravidanza trigemina
Le gravidanze trigemine e di ordine superiore sono più frequentemente il risultato di tecniche di fecondazione assistita. Infatti, solo il 20% di esse deriva da concepimento spontaneo.
I problemi fetali nelle gravidanze trigemine:


  • aborto spontaneo
  • ritardo di crescita di uno o più feti
  • trasfusione feto-fetale (TTTS - Twin-to-twin Transfusion Syndrome): è una malattia della placenta che colpisce le gravidanze gemellari, e si ha quando vi sono delle connessioni sanguigne, a livello placentare, tra i due feti. Il passaggio di sangue da un bambino (il donatore) all'altro (il ricevente) fa sì che quest'ultimo riceva troppo sangue rispetto alle richieste del sistema vascolare; da ciò può derivare la morte per collasso cardiaco. Il donatore invece non riceve abbastanza sangue talchè, alla fine, potrebbe morire per tale insufficienza. La morte di uno dei due gemelli determina inevitabilmente la morte anche dell'altro
  • parto pretemine: l'utero risulta sovradisteso, e questo può scatenare attività contrattile. Nelle trigemine l'epoca gestazionale media del parto è di 33 settimane, e nel 13% dei casi il parto avviene prima delle 28 settimane. L'epoca gestazionale media a cui arrivano le gravidanze quadrigemine è di 30 settimane.

Flickr

articoli correlati