Home Storie Pancione

Ipotiroidismo in gravidanza

di mammenellarete - 03.04.2012 - Scrivici

tiroide-400.180x120
L’ipotiroidismo colpisce molte persone e in gravidanza può determinare alcune complicazione da monitorare costantemente per non pregiudicare la salute della mamma e del feto. Se una donna in gravidanza è ipotiroidea, nelle prime settimane di gestazione, il sistema nervoso fetale, quando la tiroide del bambino non può ancora produrre ormoni (e succesivamente se la tiroide del feto è ipofunzionante) può subire alcuni danni a causa della mancanza di tiroxina materna.

Ti potrebbero interessare anche...

L’ipotiroidismo materno, fetale e neonatale possono purtroppo provocare danni irreversibili allo sviluppo neurologico ed intellettivo del bambino.

Fra le altre conplicazioni causate dall'ipotiroidismo ricordiamo:

  • ipertensione gravidica
  • basso peso del bambino alla nascita
  • emorragia post-partum
  • la nascita di un feto morto
  • il distacco plancentare.

Come curare l'ipotiroidismo in gravidanza

La normalizzazione dello stato tiroideo con la terapia sostitutiva riduce l’incidenza dell’ipertensione e di tutte le altre complicanze, per cui se una donna affetta da ipotiroidismo decide di intraprendere una gravidanza, è necessario curarsi prima ed essere costantemente sotto controllo medico.

Generalmente il farmaco per il trattamento sostitutivo dell’ipotiroidismo è la l-tiroxina, T4, un preparato sintetico, chimicamente puro. La dose ottimale deve essere stabilita nel singolo soggetto in base alla risposta clinica prefiggendosi come scopo quello di riportare il valore del TSH entro i limiti di normalità.

Nella terapia sostitutiva in gravidanza:

1) è consigliabile, in assenza di patologie cardiache concomitanti, raggiungere lo stato di eutiroidismo in poco tempo per evitare le complicanze sul decorso della gravidanza e sul prodotto del concepimento;

2) la dose sostitutiva di l-tiroxina va aumentata in gravidanza rispetto al periodo pre e post gravidico;

3) l’adeguatezza della dose va sempre valutata con uno specialista;

Dopo il parto la dose di l-tiroxina sarà ridotta e riportata a quella precedente alla gravidanza.

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati