Home Storie Pancione

Il mio secondo parto: un'altra emozione unica e indimenticabile

di mammenellarete - 29.05.2014 - Scrivici

parto-naturale.180x120
Era il 19 novembre 2013, l'ennesimo tracciato dopo termine, perché ero già a 41 settimane. Erano le 2 del pomeriggio quando come al solito mi sono sentita dire: "Ragazza, qui contrazioni non ce ne sono, aspettiamo fino a domani poi ti ricoveriamo per l'induzione." Prendo i miei fogli e cartellina e mi incammino a casa con il consiglio di camminare tanto e prendere l'olio di ricino. Indecisa se prenderlo o no, passo in farmacia e chiedo consiglio al farmacista che mi rispose: "Beh, al massimo svuoti l'intestino!" Mi armo di coraggio, vado a casa e inizio a bere questi 50 ml di olio

con una spremuta di 6 arance... Dopo 2 ore circa iniziò a fare effetto! Passo praticamente 3 ore seduta in bagno... Ero vuota, ma nonostante ciò di contrazioni non ne avevo.

 

Mi corico intorno alle 23. Dopo un'oretta circa iniziavo a sentire dei piccoli dolori che pian piano aumentavano e iniziavano ad avvicinarsi tra loro. Erano le 2, chiamo mio marito, mi faccio una doccia calda, faccio il letto per aspettare che arrivasse il momento di andare e poi prendo valigia e cartellina e ci incamminiamo.

 

Arriviamo lì, mi mettono sotto tracciato e mi dicono che non è ancora ora e l'ostetrica preferirebbe mandarmi a casa. Il ginecologo dice: "No, la teniamo qui tanto stasera ha il ricovero!"

 

Mi danno la stanza, mi accomodo e i dolori sembrano svanire...Uff! Ogni 3 ore tracciato e visita! Era tutto più che tranquillo!

 

Alle 14 del pomeriggio, esausta di attendere chiedo se fosse possibile anticipare l'induzione, la ginecologa chiede al primario e danno il consenso!

 

Erano le 15 quando mi hanno messo la fettuccia.

 

Alle 16.30 il primo tracciato... Iniziavano finalmente ad esserci contrazioni ben evidenti... Mi rimandano in stanza e io poco alla volta inizio ad avere dei fortissimi dolori. Sempre più forti. Ma stavo in silenzio per non disturbare.

 

In quel momento avevo voglia di piangere, ma non volevo trasmettere il mio dolore agli altri...

 

Erano le 19 quando esausta mi incammino verso le sale parto. Mi trascino lentamente, mio marito poverino si sentiva inutile. Ero io a supportare lui! Suono il campanello, mi apre un'ostetrica carinissima che mi guarda e mi dice: "Vieni gioia che facciamo la visita!" Esclama: "Wow, sei in super travaglio. Hai ben 7 cm di dilatazione! Vedrai, un po' di pazienza e abbraccerai il tuo piccolo."

 

Ecco che da lì il tempo sembra non passare più, il dolore diventa atroce, 2 contrazioni al minuto....

 

Esausta, piango, urlo mi dispero.

 

Mi rifanno la visita ed ero dilatata a 8!

 

Nel frattempo rompo le acque e da lì i dolori peggiorano ancora.

 

Mi mandano a fare una doccia calda per rilassarmi, sto ben 40 minuti. Mio marito sempre al mio fianco a sostenermi. Mi alzo da lì, vado sul lettino, mi attaccano al tracciato e io chiedevo aiuto, piangevo dal male fino a quando vado in tachicardia. In quel momento vedevo tanta gente accanto a me, tutte che mi dicevano "Respira" e io dicevo: "Non riesco, mi manca il fiato". Mi davano da bere, poi vista la situazione mi hanno dato delle gocce per calmarmi.

 

Erano circa le 22 e io spingevo più che potevo, ma le mie forze non bastavano per fare scendere la testa del mio piccolo.

 

Erano le 23.25 quando dopo tante spinte lui era ben incanalato e iniziò a scendere. Mi dicevano: "Dai che vediamo la testa!"Io spingevo ancora e poi ancora.

 

Finalmente la testa stava uscendo...

 

Poi ancora una decina di spinte ed ecco che finalmente è nato! Erano le 23.45! Iniziò subito ad urlare, me lo appoggiarono e io scoppio in lacrime dalla felicità. Mio marito dall'emozione scappa a telefonare a tutti, poi torna e si sfoga abbracciandomi in un pianto a singhiozzi! Era emozionatissimo! Il pediatra prende il mio bimbo e mentre a me danno 2 punti, lo lavano e preparano. Arrivano dicendomi: "Complimenti, un bel bambinone di 4,160!" Ero felice e dicevo che avevo fatto un capolavoro! Era ed è bellissimo!

 

Ora Chrystian ha 6 mesi e pesa ben 8 kg e 300! E' la mia vita come lo è la sorellina maggiore Alyssa di 5 anni!

 

Nonostante il dolore immenso, rifarei 1000 volte il mio capolavoro! Un abbraccio a tutte.

 

di Valentina

 

(redazione@nostrofiglio.it)

 

Articoli correlati:

 

 

 

redazione@nostrofiglio.it

 

Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

articoli correlati