Home Storie Pancione

Il fumo in gravidanza

di mammenellarete - 24.06.2009 - Scrivici

fumo_gravidanza_big.180x120
Che il fumo faccia male in gravidanza, questo si sa, ma molti trascurano il problema e, da grandi fumatori, continuano a fumare anche davanti al neonato. Da un’ indagine su un campione di donne fumatrici, è emerso che solo circa il 50% smette di fumare quando sa di aspettare un bambino per non riprendere più. Fumare in gravidanza provoca seri danni al nascituro, aumenta il rischio di aborto o di parto prematuro, aumenta il pericolo di morte improvvisa del lattante ed il piccolo è maggiormente esposto al rischio di ammalarsi di tumore.

Ti potrebbero interessare anche...

Fumo e concepimento

influenzando la maturazione ovulare della donna

In gravidanza

Madre e bambino sono legati grazie al cordone ombelicale che, tramite i suoi vasi, permette alle sostanze tossiche del fumo di penetrare la placenta e raggiungere il bambino. La nicotina, infatti, diminuisce l’irrorazione sanguigna dell’utero e della placenta con una riduzione conseguente dell’apporto di sostanze vitali al nascituro. L’anidride carbonica assunta con il fumo porta anche ad una riduzione di apporto di ossigeno nella circolazione sanguigna materna e quindi del bambino. I bambini nati da mamme fumatrici corrono un maggiore rischio di ammalarsi di asma quando diventano più grandicelli, senza contare, ancora prima, il rischio di parti prematuri.

Morte improvvisa del lattante

Si dice della morte inspiegabile ed inaspettata di un neonato apparentemente sano. Le cause che l’hanno condotto alla morte restano oscure anche dopo l’autopsia. La cosa certa è che alcuni fattori aumentano questo rischio e tra essi vi è proprio il fumo del tabacco anche se la mamma ne ha rinunciato durante la gravidanza, ma poi lo espone passivamente dopo la nascita.

Consigli per evitare la morte improvvisa del neonato:

  • Far dormire il piccolo sul dorso;
  • Non fumare in gravidanza;
  • Non esporre il piccolo al fumo del tabacco;
  • Non riscaldare la camera del piccolo eccessivamente non coprirlo troppo specie se raffreddato o influenzato o quando ha un’infezione.

I danni del fumo

Oltre a quelli succitati, il fumo espone il neonato (o feto, in gravidanza) a vari rischi:

  • deficit cognitivi ed uditivi durante la crescita;
  • comportamenti aggressivi;
  • infezioni neonatali, respiratorie e cutanee in età adulta;
  • probabilità di tumori infantili;
  • probabilità di nascita bambino sottopeso;
  • probabilità di obesità infantile;
  • rischio tumore ai testicoli una volta adulto.

Sei una fumatrice? Quanto ha inciso il fumo sulla tua salute e quella del tuo piccolo? Raccontaci la tua esperienza sul forum!

articoli correlati