Home Storie Pancione

Dopo un aborto: il raschiamento e l'isterosuzione

di mammenellarete - 30.05.2011 - Scrivici

aborto-e-isterosuzione-400.180x120
Dopo un'interruzione di gravidanza una donna dovrà essere sottoposta a raschiamento e/o isterosuzione. Vediamo insieme di che cosa si tratta.

Il raschiamento

È un intervento attraverso cui il ginecologo dilaterà il collo dell'utero per raschiare, con un bisturi detto "corrette", i frammenti di endometrio rimasti nell'utero. L'operazione dura 15 minuti, generalmente si effettua in anestia totale e non ha controindicazioni particolari, a meno che non esistano malattia persistenti di tipo cardiaco o legate all'obesità, o all'età avanzata della donna. Si effettua in day-hospital e l'unica cosa da evitare per qualche giorno sarà il bagno.

Il raschiamento non intacca la fertilità della donna, infatti, l'endometrio non è sottoposto a lesioni e quindi può ricevere normalmente stimoli ormonali che gli permettano poi di accogliere l'uovo fecondato.

Quest'intervento viene usato anche come strumento diagnostico, in donne con più di 40 anni in cui si manifestino problemi col ciclo, o in donne già in menopausa in cui si manisfestano perdite di sangue. Questi disturbi potrebbero infatti essere i primi sintomi di problemi, come polipi, piccoli fibromi, tumore uterino, iperplasia dell'endometrio.

Ti potrebbero interessare anche...

L'isterosuzione

È un'operazione che si effettua quando l'aborto avviene prima dell'ottava settimana di gestazione. L'isterosuzione si svolge inserendo una canula che aspira l'embrione e l'endometrio che lo conteneva. Come il raschiamento si effettua in anestesia generale e dura all'incirca 5 minuti.

Se l'aborto avviene dopo l'ottava settimana si combineranno raschiamento e isterosuzione; i frammenti più piccoli vengono aspirati all'esterno tramite isterosuzione, mentre le parti più aderenti alle pareti uterine vengono asportate con il raschiamento.

Nel caso di un aborto spontaneo molto probabilmente si presenterà la necessità di un raschiamento per eliminare il feto e l'endometrio che l'ospitava, evitando così la fuoriuscita spontanea ed una conseguente emorragia molto pericolosa.

Dopo essere state sottoposto a raschiamento e/o isterosuzione per alcune settimane sarà necessario:

  • Sospendere i rapporti sessuali per non irritare il collo dell'utero
  • sostituire il bagno con la doccia per evitare la risalita di germi dalla vagina all'utero
  • effettuate dei bidet soltanto con presidi medici disinfettanti specifici.

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati