Home Storie Pancione

Stasera, facciamo un bambino?

di Nostrofiglio Redazione - 04.03.2013 - Scrivici

coppia_amore_400.180x120
La sera giusta per fare un bambino è proprio questa, me lo sento. Dai amore corri a casa, che cosa aspetti? Lui però non arriva mai, poi si offende perché dice che la metto giù come un lavoro ... beh certo che è un lavoro! Per le romanticheria abbiamo una vita, per concepire nostro figlio invece solo stasera ...  

“Era da un po' che io volevo un figlio, mi sentivo pronta, il problema era che non era pronta la vita intorno a me: dovevamo comprare casa, arredarla, avere la certezza di un lavoro stabile che ci permettesse di mantenerci.

 

Così, appena siamo entrati nella nostra nuova casa, abbiamo deciso che eravamo pronti, ho smesso la pillola e ho cercato di mandare L. a fare una visita, così per sicurezza... ma non c'è stato verso!

 

Poi un giorno ho sentito che era quello giusto: avremmo concepito nostro figlio!

 

Con un sms (“stasera facciamo un bambino?”) chiedo a mio marito di tornare a casa subito dopo il lavoro e di passare a prendermi da un’amica. In quel periodo faceva i turni e tornava alle 22.

 

Alle 22 esco dalla casa dell’amica e lo aspetto. Arriva alle 22.20… ma dove ha perso tempo?????? Mi saluta e mi bacia... mentre io penso: "Ma la accendi ‘sta macchina??? abbiamo da fare!!”

 

Finalmente parte, arriviamo a casa. Come un tornado mi spoglio e mi metto sotto le coperte, mentre L. con tutta la calma del mondo va in bagno, si cambia, controlla il computer, arriva in camera finalmente, si siede sul letto e mi chiede: “E allora? Com’è andata la tua giornata? A me è successo bla bla bla..."

 

“A te è successo??? Che cosa può essere successo di così importante da non poter aspettare???”

 

Scoppio a piangere... evidentemente lui non capisce niente!! Mi chiede anche che cos'ho… CHE COSA HO?? Dobbiamo concepire un figlio subito, prima che sia troppo tardi!!!”

 

Si offende e mi dice che lo metto giù come un lavoro... chiaro!!! Certo che è un lavoro!! Qui bisogna produrre, per il romanticismo abbiamo una vita, per concepire nostro figlio quella serata!

 

Un paio di settimane dopo, mentre stavamo andando alle terme, sento un fastidiosissimo mal di pancia, stavano arrivando.... Noooooooooooooo, lacrime a non finire! Torniamo indietro perché era inutile andare alle terme se mi stavano arrivando... quel giorno non sono arrivate, il giorno dopo neanche, quattro giorni dopo faccio il test... una sbiadita linea rosa ci acceca più del sole... quella lineetta ci avvertiva che la nostra tiranna aveva ormai preso il volo verso la nostra vita...”

 

(stefy 104, storia tratta dal forum di nostrofiglio.it)

 

Potrebbero interessarti gli articoli della sezione Concepimento di nostrofiglio.it

 

articoli correlati