Citomegalovirus

Citomegalovirus e amniocentesi. Mio figlio per fortuna sta bene

Di mammenellarete
donna-e-bambino
24 gennaio 2020
Ero incinta, quando scoprii di avere contratto il citomegalovirus. Mi rivolsi a un bravo ginecologo e, giunta a 20 settimane, feci l'amniocentesi, esame molto invasivo durante il quale si può rischiare di perdere il bimbo. Dopo l'esito ci dissero che il virus non era stato trasmesso e che quindi il bimbo era sano. Adesso Stefano ha due anni e mezzo e sta benissimo grazie a Dio.
Facebook Twitter More

 

Tutto è partito da una forte febbre

 

Quando ero incinta di due mesi mio figlio più grande ebbe una forte febbre, penso per via di un virus, ma io non ebbi nulla... Successivamente, però, negli esami di routine scoprii di aver contratto il citomegalovirus e da lì iniziò un vero e proprio calvario.
 
Noi non pensavamo fosse così grave e cercammo di leggere esperienze in merito, ma questo virus sembrava essere un tabù, quindi decidemmo di seguire i consigli di un bravo ginecologo.
 

 

Citomegalovirus e la scelta di fare l'amniocentesi

 

Il medico ci consigliò è di fare un'ecografia specifica, non ricordo a quante settimane, per vedere se il bimbo cresceva sano. Per fortuna sembrava tutto okay. Poi parlammo con un infettivologo, che disse che se avessi scoperto tramite l'amniocentesi che il virus era passato al piccolo, avrei potuto fare una cura di immunoglobine.
 
Ma in ospedale non fu semplice fare una terapia di questo tipo, non tutti gli ospedali offrivano e offrono la possibilità di farla. Comunque, anche se il virus fosse stato trasmesso, le conseguenze che il neonato avrebbe potuto avere si sarebbero viste solo alla nascita! 
 
Giunta a 20 settimane circa (perché dopo scade il termine legale per poter abortire) feci l'amniocentesi, esame molto invasivo durante il quale si può rischiare di perdere il bimbo. Qualche settimana dopo l'esito ci disse che il virus non era stato trasmesso e che quindi il bimbo era sano, anche se alla nascita per sicurezza è stato in Tin in ospedale per esami più approfonditi. Adesso Stefano ha due anni e mezzo e sta benissimo grazie a Dio.
 
di Antonella
 
Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it