storie di mamme

La mia esperienza di mamma casalinga

Di mammenellarete
mammacasalinga

18 Settembre 2014 | Aggiornato il 12 Settembre 2017
Sono una casalinga e ho una bimba. Ma cosa vuol dire essere una madre casalinga? Sicuramente non vuol dire che non fai nulla, solo perché badi a tua figlia piccola. Essere una madre casalinga vuol dire svegliarsi durante la notte, far riaddormentare la bimba, alzarsi la mattina per farle il latte e darle il pane o la brioche, insomma, essere sempre attenta a lei. Poi arriva il pranzo, i giardinetti, i giochi, i lavori di casa e la cena. Bagnetto e tutti a nanna. E meno male che c'è chi afferma che noi casalinghe non facciamo nulla!

Facebook Twitter Google Plus More

Questa è una di quelle giornate in cui posso dire di essere proprio stanca. Vorrei riposare e svegliarmi domani mattina alle 8. Oggi le mie gambe mi dicono chiaramente: "ALT, FERMATI".

 

Sono una casalinga e ho una bimba. Ma cosa vuol dire essere una madre casalinga? Sicuramente non vuol dire che non fai nulla, solo perché badi a tua figlia piccola. Essere una madre casalinga vuol dire svegliarsi durante la notte, far riaddormentare la bimba, alzarsi la mattina per farle il latte e darle il pane o la brioche, insomma, essere sempre attenta a lei.


In seguito le dici "grazie amore", mentre sai che devi pulire ancora. Allora lo fai di nascosto da lei, che continua volenterosa nel suo intento ad aiutarti.

Arriva l'ora di pranzo, ti accorgi che é tardi. Inizi a cucinare per lei (verdurine, pasta o riso, carne o pollo, frutta e acqua) e per il resto della famiglia, poi cerchi di farla dormire. Finalmente si addormenta con il biberon e riposa solo un'ora. In quell'ora tu continui a pulire e cerchi di mangiare un po' del pranzo che hai cucinato.

Arriva il pomeriggio: le fai fare merenda e la porti ai giardinetti, dove devi rincorrerla ovunque. Poi ti scappano mille sorrisi per tutti i macelli che combina, parli con lei e contemporaneamente anche con il tuo ragazzo al telefono (ovviamente con gli auricolari).

Torni a casa alle 18, arriva il tuo compagno stanco che vuole mangiare, giochi con entrambi. Arrivano le 19, fai fare alla bimba 15 minuti di bagnetto, poi cenate tutti insieme. Cerchi di non farla sporcare (ma é una guerra persa), poi le fai guardare il suo cartone preferito.

Arrivano le 21.30, tu sei stanchissima. Il tuo compagno porta fuori il cane e tu nel frattempo cerchi di far capire a tua figlia che deve fare la nanna, ma lei non vuol saperne.

Allora ti sdrai sul letto e guardi tutti i cartoni assieme a lei, finché non le dai il latte. Si gira e ti guarda. Ti sorride come per dirti "Guarda che non ho ancora sonno, eh!"

Alla fine ti rassegni, finchè lei stessa non si ti avvicina e si addormenta da sola. Da quel momento puoi affermare che è finita la giornata.

E meno male che c'è chi afferma che noi casalinghe non facciamo nulla!

Io non mi pento della mia scelta, perché la bimba, anche se mi fa stancare tanto, mi regala gioie uniche.

di mamma Andreita

(storia arrivata sulla pagina facebook)

Leggi anche: Il sorriso che incanta ogni mamma
I miei 53 motivi per non avere figli. E 1 per essere tre volte mamma
Sai di essere una mamma quando… 21 frasi sulle mamme!


Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it  

LE ULTIME STORIE