Storia

A un passo dall'aborto, la vita

Di mammenellarete
raggiosole

09 Aprile 2018
A volte basta un raggio di sole e una goccia d'acqua per far fiorire la vita...

Facebook Twitter Google Plus More

Cara Miriam,

quanti anni sono passati da quel giorno... Ci siamo conosciute in vacanza, diverse, ma con la stessa voglia di vivere. Un'amicizia nata per caso e destinata a durare per strani incroci di vita.
Ci siamo sempre sentite al telefono ma quella volta ero distrutta perchè avevo appena perso i miei gemellini... tu mi hai raccontato dei tuoi ripetuti aborti spontanei, quattro ferite immense nel cuore, non potevo crederci... parlando con te mi sono sentita meno sola. Dopo pochi mesi ti ho scritto che aspettavo un bimbo e tu mi hai risposto "Anch'io"! Tanta paura ma quella volta ci andò tutto bene, che gioia! E sono nati i nostri primi tesori!


Poi la tua separazione e solo un anno dopo la scoperta di essere nuovamente incinta... questa volta la gravidanza non era così attesa... avevi perso il lavoro e stavi da poco con un nuovo compagno: non potevi tenerlo.   Un tuffo al cuore!    "Non posso Francy, non ho le possibilità di tenere un altro bambino".

Nooooo... Non poteva essere così... Eravamo lontane, non potevo nemmeno abbracciarti, ma avevi fissato l'appuntamento per l'aborto, non c'era un momento da perdere. Ci siamo sentite e messaggiate a lungo... credo che ad un certo punto ti ho promesso che avrei fatto qualcosa senza nemmeno sapere cosa... mi dicevi che non volevi rivolgerti ai servizi sociali del Comune perché temevi che ti portassero via la bambina. Allora provai a contattare la tua Parrocchia e il Centro di Aiuto alla Vita più vicino al tuo paese.

Passai la giornata al telefono per capire bene le possibilità che c'erano, mi fecero molte domande e io a loro, finché capii che potevano aiutarti. Mi spiegarono che avrebbero potuto darti non solo un aiuto economico, ma anche un sostegno durante la gravidanza e dopo il parto, alcune donne dell'associazione avrebbero curato la tua prima bambina quando avevi bisogno e ti avrebbero sostenuta anche dopo per tutto il tempo necessario.

C'erano persone disposte a starti vicino davvero.

 

Ti ho mandato i numeri da contattare, assicurandoti che tutto sarebbe avvenuto nella massima riservatezza.
Pregai per te e per quel piccolo che si stava formando dentro di te e aspettai. Furono giorni lunghissimi. Poi la tua telefonata: "Francy, ho chiamato, mi aiutano!" Ho ancora i brividi lungo la schiena.


Ho ringraziato Dio e le persone che ti hanno aiutato, ho ringraziato te, mamma coraggiosa. Una sera d'autunno è nata una bellissima bambina!

Un giorno mi hai detto: "Mi farebbe piacere che fossi la sua madrina di battesimo". Mi batteva forte il cuore! Putroppo non ho potuto esserlo perchè avevo il mio piccolino e non mi sentivo di affrontare il viaggio, ma ho amato la tua bimba ancor prima che nascesse. 
La vita ci ha regalato ancora una gravidanza insieme, a me una femminuccia e a te un maschietto. Un giorno ho ricevuto un enorme scatolone pieno di vestitini delle tue bambine per la mia piccola. Che bella sorpresa!

 

Cara Miriam, quanta vita ci è passata dentro, gli occhi grandi e belli dei nostri figli ci guardano e ci ripagano di tutta la sofferenza e del coraggio di averci creduto nonostante tutto. Non ci siamo più riviste ma ti voglio tanto tanto bene e sono certa anche tu!


Francesca

 

Mamma, appassionata di scrittura, nata per comunicare esperienze pensieri riflessioni, amante delle profondità della vita e dei suoi segreti, coraggiosa ricercatrice di verità anche quando fanno male, disposta a mettere tutta me stessa in quello che faccio, pronta ad emozionarmi sempre.
http://www.mammasullago.it
https://www.facebook.com/mammasullago

LE ULTIME STORIE