Storie di mamme

Lavoro e covid-19: l'Italia non è un Paese per mamme e famiglie

Di mammenellarete
mamma-e-gemelle
26 giugno 2020
Dopo tredici anni di lavoro per un'azienda, alla quale ho dato il 110%, mi hanno dato il "ben servito". Sono mamma di due gemelle e sto cercando un lavoro part time anche di 6 ore. Sto cercando anche di crearmi una mia attività e sto studiando per poter essere il più professionale possibile. Vorrei tanto che questo Paese diventasse un Paese per mamme e famiglie. Quello che abbiamo passato con il coronavirus non è praticamente servito a niente.
Facebook Twitter More

Buongiorno proprio in questi giorni, sono stata costretta a prendere la decisione di lasciare il lavoro. Ho vissuto tredici anni nella stessa azienda, alla quale ho chiesto di poter lavorare full time e di uscire alle 16.30. L'ho potuto fare per due anni e dopo aver chiesto di formalizzare l'orario la risposta è stata un bel no.

 

Da settembre avrei dovuto riprendere ad uscire alle 17.30/18.00. Ho due gemelle di 4 anni e pochissimi aiuti. Ho chiesto anche la riduzione d'orario e la risposta ve la lascio immaginare. Dieci giorni fa mi è successa una cosa molto pesante sul luogo di lavoro (fatta presente al datore di lavoro) e non me la sentivo di andare in ufficio.

 

Lavoro, maternità e covid-19

 

Ho chiesto lo smartworking e dopo dieci giorni la risposta è stata: "3 giorni alla settimana sì, 2 vieni in ufficio e nei 3 in cui sei in smartworking torni in ufficio se ho bisogno". Sono in congedo parentale covid-19 fino a fine luglio e ho già comunicato al mio datore di lavoro che voglio usufruire di tutte le ferie fino a fine agosto e che poi ci sentiremo per definire la mia uscita dall'azienda.

 

La risposta è stata che si sarebbe organizzato e mi ha quasi buttato il telefono in faccia. Dopo quello che mi è successo e 13 anni in cui ho dato il 110% all'azienda, questo è stato il mio ben servito. Sto cercando un lavoro part time anche di 6 ore. Sto cercando anche di crearmi una mia attività e sto studiando per poter essere il più professionale possibile. Volevo raccontare la mia storia. Grazie per avermi ascoltata. Vorrei tanto che questo Paese diventasse un Paese per mamme e famiglie. Quello che abbiamo passato con il coronavirus non è praticamente servito a niente. Saluti a tutti.

 

di una mamma

(La mamma che ci ha mandato questa storia ha scelto di rimanere anonima)

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

Per approfondire: