Sclerosi multipla

La sclerosi multipla non mi fermerà mai. Sono una super mamma

Di mammenellarete
mammabimbo
31 Maggio 2019
Quando vidi il mio piccolo bimbo dopo il parto cominciai a piangere. Me lo misero in braccio e in quel momento capii che la Sclerosi Multipla non mi avrebbe mai fermato! Promisi in quell'istante che sarei sempre stata forte, che non mi sarei mai lasciata andare e che avrei sempre lottato per il mio piccolo. Oggi lui ha 5 anni ed è meraviglioso essere la sua mamma.
Facebook Twitter More

La mia storia iniziò con una telefonata: "Amore ci siamo, ho le contrazioni". Andammo in ospedale e dopo la visita ci accompagnarono in camera per prepararci.

 

Ricordo che un'ostetrica mi disse: "Mangia qualcosa, potrebbe essere una lunga nottata e tu devi essere forte". Quella frase iniziò a farmi venire mille dubbi, mille paure e mille domande... "Sarò forte? Riuscirò ad affrontare il dolore? Starò bene dopo il parto? E se peggioro? Come posso crescere mio figlio se sto male?".

 

Il mio compagno notò subito che ero agitata, si avvicinò e mi strinse forte. Lui che non ha mai avuto paura della malattia, che mi dice sempre che le cose si affrontano in due, che mi aiuta anche solo ad allacciarmi le scarpe se non ce la faccio. Lui, che quando la mia vescica non funziona e io mi sento a disagio, mi strappa sempre un sorriso.

 

Il dolore prese il posto delle domande e ci portarono giù in sala parto. Ricominciai a pensare... “Ci siamo! Sarò forte? Riuscirò a giocare con il mio bambino? E quando sarò stanca? Non riesco neanche a correre. Arrivano le paure, i dolori... ".

 

"Ok Valentina ci siamo! Ora spingi e fai vedere quanto sei forte!". Quando vidi il mio piccolo Luca cominciai a piangere... me lo misero in braccio e in quel momento capii che la Sclerosi Multipla non mi avrebbe mai fermata!

 

Promisi in quell'istante che sarei sempre stata forte, che non mi sarei mai lasciata andare e che avrei sempre lottato per lui! Oggi ha 5 anni e non è ancora in grado di capire. Ma quando gli dico che devo andare a fare la punturina per diventare forte e lui mi risponde che non mi serve perché io lo sono già, mi dà la forza per affrontare la malattia sempre a testa alta. Sì amore mio, io sarò per sempre la tua Super Mamma!!!

 

di Valentina

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

DAL SITO: Gravidanza, diventare mamme con la sclerosi multipla

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it  
LE ULTIME STORIE