Storie di mamme

Sono una mamma "a basso contatto" di due bellissimi bimbi

Di mammenellarete
mamma
10 Giugno 2019
Mi definisco una mamma a basso contatto. Ho sempre fatto dormire i bimbi in un'altra camera, ho sempre usato il passeggino e non la fascia, non ho allattato a lungo, ecc. Ad ogni modo, i miei piccoli sono la mia vita. Penso che ogni mamma debba sentirsi libera di amarli come meglio crede e riesce, senza sentirsi meno madre se non li allatta o se non cede il proprio letto!
 
Facebook Twitter More

Mi chiamo Paola, ho (quasi) 42 anni e, nonostante due bellissimi bambini di 3 e 6 anni, sono una mamma a basso contatto e quella che segue è, molto in breve, la mia storia.

 

Da che ho memoria, ho sempre desiderato diventare madre, anche se non ho una gran passione per i bambini (sono strana, lo so, il primo neonato che ho preso in braccio è stato mio figlio a 34 anni, quasi 35), ma per fortuna i miei mi piacciono!

 

Quando il primo è nato, ero entusiasta... che avventura! Ma rigorosamente... ognuno nella propria stanza e in clinica ho ben pensato di provare a dormire bene per l'ultima volta prima di portarlo a casa e di dire addio al sonno.

 

Non ho mai avuto la gelosia tipica delle primipare, del tipo: “Nessuno tocchi il bebè, soprattutto se non si è lavato le mani!" oppure "Uuuhhh, che carino, posso prenderlo in braccio?". Certoooo, eccolo, e me lo chiedi pure???

 

Lorenzo era un bambino delizioso, ma soffriva di coliche. Nei primi due mesi io e il padre ci guardavamo e ci dicevamo: "Ma come si fa per il resto della giornata?"... Perché, soprattutto di giorno, dormiva per 10 minuti, poi si svegliava e io passavo le mie giornate a cercare di farlo dormire.

 

Poi... ma che ne sa un uomo di cosa vuol dire provare a pulire, ad esempio, il bagno con un bambino così? Metti i guanti, togli i guanti, due ore per finire un lavoro di mezzora! Per non farmi mancare nulla, anche l'allattamento non si è mai "ben avviato" e ho portato avanti un allattamento misto: un incubo.

 

Prima un'ora a tetta e poi pure il biberon, con l'ansia dell'"Avrà mangiato abbastanza?". Ho allattato per 5 mesi e quando il cucciolo ha scelto di dire: “Basta, fatemi magnà“, ero più sollevata che dispiaciuta. In quei primi mesi, quindi, sono stata in realtà costretta ad essere una madre ad alto contatto: o era in braccio per mangiare o per calmare le coliche!

 

Ma io mi dicevo che era giusto imparasse a dormire nella sua culla e così passavo ore a sbatacchiare avanti e indietro questa povera creatura, o a passeggiare fino a consumare le ruote del trio. Ebbene sì, passeggino e non fascia!

 

Questo pupetto mi stava già abbastanza addosso: almeno a passeggio era una conquista avere le mani libere e soprattutto potermi staccare un pò da lui! L'unica volta che ho usato la fascia è stato in casa per provare a fare le pulizie in un giorno che non la smetteva di piangere, ma è stato un fallimento: odiava stare in fascia, piangeva ancora di più.

 

Per fortuna, invece, la notte dormiva abbastanza bene, quindi già dai due mesi è stato messo nella sua cameretta. Una mattina mio marito si è svegliato e mi ha chiesto: "Ma dove è Lorenzo??"... Lo avevo messo in camera sua perché di notte era rumoroso e io non riuscivo a dormire! Il lettone rigorosamente solo in caso di febbre o di incubi, se no, ognuno nel proprio letto e tutti... dormiamo meglio.

 

Che poi... diciamoci la verità... uno si immagina notti di coccole, con il naso sprofondato in quel piccolo collo profumato, quando in realtà i bambini spesso dormono a stella marina o di traverso, tanto da far rischiare ai genitori o la commozione cerebrale per testata o di svegliarsi con un piede in bocca.

 

Ad ogni modo, i miei piccoli sono la mia vita. Penso che ogni mamma debba sentirsi libera di amarli come meglio crede e riesce, senza sentirsi meno madre se non li allatta o se non cede il proprio letto! Viva tutte le mamme!

 

di Paola

 

(storia arrivata alla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it  

LE ULTIME STORIE