Bullismo

Mia figlia è stata vittima di bullismo nella scuola di danza

Di mammenellarete
bimba
29 Maggio 2019
Mia figlia all'età di sei anni è stata vittima di bullismo. Mi sono accorta che non stava bene perché era molto tesa, aveva problemi a scuola e aveva iniziato a farsi la pipì addosso. Dopo alcune indagini, ho capito che a scuola di danza le coetanee la prendevano in giro. Ecco la mia esperienza.
Facebook Twitter More

Elena è mia terza figlia. A 6 anni manifestò il desiderio di fare danza ritmica, così la iscrissi e lei cominciò a fare le sue lezioni. All'inizio era molto entusiasta, a Natale fece il suo primo saggio, ma dopo Natale la piccola cominciò ad avere problemi a scuola.

 

Faceva la prima elementare. Iniziò anche a farsi la pipì sotto. Questa situazione durò per vari mesi e, con le maestre, non capivamo cosa stesse accadendo. Le chiedevo cosa avesse e le feci fare delle visite per accertarmi che la pipì che faceva non dipendesse da qualche patologia.

 

Tutte le analisi erano okay. Quando poi lei cominciò a dirmi che non voleva andare più a danza perché non era brava... cercai di farle capire che si va per imparare. Nessuna bambina va che è già brava: con il tempo e con l'allenamento piano piano poi si imparano tante cose. Niente, Elena piangeva, piangeva.

 

Un giorno portai Elena già vestita in palestra per fare l'allenamento. Entrai negli spogliatoi senza che se ne accorgessero le bambine dell'età di Elena (qualcuna un po' più grandina), poi sentii che dicevano "Speriamo che non venga Elena, non è capace di fare nulla". Quando mi videro, ammutolirono.

 

Io ero molto seria e non dissi nulla... alla fine della lezione presi Elena, andammo a casa e con molta delicatezza parlai con lei. Le chiesi com'era andata e lei mi disse: "Non ci voglio più andare".

 

Poi le chiesi: "Ma c'è qualche compagna che ti prende in giro?". Lei poi alla fine crollò e mi disse che la prendevano in giro tantissimo. Le dicevano frasi come: "Non sei capace di fare la spaccata, sei imbranata, ecc.". Solo cose brutte. Cose che, solo a sentirle, mi si gelò il cuore.

 

Il "fatto della pipì" era un modo per richiamare l'attenzione sia mia sia delle maestre. Noi non capivamo all'inizio cosa stesse accadendo. Elena è bravissima a scuola e ha un buon rapporto con le insegnanti. Per risolvere il problema, cercai di parlare un po' con l'istruttrice di danza, ma notai che non dava peso a tutto ciò. Allora, Elena ha smesso di andare a danza.

 

di Debora

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it  
LE ULTIME STORIE