Anoressia

Stavo combattendo contro l'anoressia. Mia figlia Benedetta mi ha dato la forza per sconfiggerla

Di mammenellarete
anoressia

03 Dicembre 2015 | Aggiornato il 02 Luglio 2018
Mi ammalai di anoressia a 14 anni. Meno mangiavo, più mi sentivo in pace con me stessa. Tutto ciò perché avevo solo bisogno di essere amata per quella che ero e non per tutto ciò che facevo. In seguito in una clinica per disturbi alimentari incontrai un ragazzo di origini brasiliane e ci buttammo in una storia senza senso. Io, a causa dell'anoressia, non avevo le mestruazioni ma... scoprii di essere incinta! 

Facebook Twitter Google Plus More

Buongiorno. Mi chiamo Elena e ho 19 anni. Vorrei condividere con voi la mia storia per incoraggiare tutte le mamme ma soprattutto quelle che hanno sofferto di DCA, disturbi del comportamento alimentare.

 

Tutto cominciò quando avevo 14 anni e mi ammalai di anoressia. Non so spiegare come iniziò il mio problema. Sentivo che l'inizio del Liceo avrebbe comportato maggior impegno e io pensavo che non ce l'avrei fatta mai.

 

Piano piano e senza accorgermene entrai in quel buco nero, ritrovandomi a controllare solo quello che potevo: il cibo.

 

Non era una questione di perdere peso, ma sentivo che più evitavo di mangiare, più ero nel giusto. Non ero "sporca", vedevo il cibo come un vizio inutile, che faceva perdere tempo.

 

Meno mangiavo, più mi sentivo in pace con me stessa. Senza rendermene conto mi ritrovai dopo 4 mesi ricoverata in Neuropsichiatria Infantile. Cominciai a girare un sacco di ospedali, cliniche per DCA, comunità per minori.

 

Tutto ciò perché avevo solo bisogno di essere amata per quella che ERO e non per tutto ciò che FACEVO. Il 28 Aprile 2014, in una comunità in provincia di Biella, incontrai un ragazzo di origini brasiliane.

 

Ci eravamo persi tutti e due in quel lungo viaggio chiamato ADOLESCENZA e ci buttammo in una storia senza senso, ma piena di sentimento ingenuo ma sincero. Io etichettata come ANORESSICA, con disturbo BORDERLINE, lui BIPOLARE con DISTURBO DEL COMPORTAMENTO.

 

Tutti i dottori mi ripetevano: "Ma lei da grande non la vorrebbe una famiglia? Si dovrebbe sforzare di mangiare un po". Certo che l'avrei voluta una famiglia, ma non a 18 anni e poi io stavo bene senza le mestruazioni, risparmiavo e non rischiavo di rimanere incinta.

 

Un mese dopo però le cose cambiarono. Sentivo che dentro di me era mutato qualcosa, infatti feci gli esami del sangue e scoprii di aspettare un bambino.

 

"Ma dottore, lei mi aveva detto che non avrei più potuto avere una famiglia!" "Elena, io sono un dottore, quello che Dio decide per noi non posso saperlo".

 

E così eccomi a 19 anni con un angioletto, che mi ha dato la forza di combattere e uscire da quel tunnel. Lei è stata la mia Benedizione, così l'ho chiamata Benedetta.

 

Un abbraccio a tutte.

 

di Elena

 

(storia arrivata alla nostra e-mail)

Leggi anche: 

Incinta nonostante la sindrome di Moschcowitz

La storia della mia rinascita: la mia lotta contro la malattia

La disabilità non è un limite

Dal magazine: tutto sulla diagnosi prenatale

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

LE ULTIME STORIE