Essere papà

Il mio compagno non è il padre biologico di nostro figlio. Ma lo ama come fosse suo

Di mammenellarete
famiglia

16 Luglio 2015 | Aggiornato il 16 Gennaio 2018
Sono una ragazza di 25 anni e ho un bambino di 6 anni. Mi sono sposata col padre del mio bambino quando ero ancora incinta. Ma ci siamo lasciati poco dopo, quando il piccolo aveva solo 5 mesi, perché ho scoperto che a "mio marito" piaceva frequentare anche i maschi. Da quel momento lui non si è più interessato di suo figlio né dal lato affettivo e neppure dal lato economico. Dopo qualche mese ho conosciuto il mio attuale compagno e mio figlio crede che sia il suo papà. Lo sta crescendo da quando aveva 8 mesi...

Facebook Twitter Google Plus More

Ho conosciuto il padre di mio figlio quando avevo 17 e mezzo. All'inizio eravamo innamoratissimi, erano tutte rose e fiori: lui mi faceva sentire una principessa in tutti i sensi.

Poi, dopo i primi 5 mesi che stavamo insieme, ci siamo lasciati perché lui mi ha iniziato a dire bugie riguardo a dove andava la sera dopo che lasciava me a casa e spendeva tutti i soldi alle macchinette.

 

Dopo un paio di mesi senza di lui ho scoperto di essere incinta. Ero già al terzo mese di gravidanza e non me ne ero accorta. Non ho mai avuto il ciclo regolare... e non ci avevo dato particolare importanza. A quel punto ho deciso di richiamare il mio ex e gli ho dato la notizia. Abbiamo anche deciso di ritornare insieme, sperando che l'arrivo del bambino potesse sistemare la situazione tra di noi.

 

Appena hanno saputo della gravidanza i suoi genitori hanno voluto conoscermi. E al settiamo mese, hanno insistito per farci sposare.

 

Aggiungo inoltre che mia madre era ammalata, aveva scoperto di avere un tumore. Sapeva che non sarebbe vissuta a lungo e credeva di lasciarmi in buone mani...

 

Io e il mio ex ci siamo quindi sposati... ma... dopo neppure cinque mesi di matrimonio, la scoperta! Non solo aveva ancora tutti i suoi vizi, ma gli piacevano anche altri uomini: quando non era con me, andava con loro...

Non vi dico che colpo è stato per me.

 

Come se non bastasse, dopo alcuni giorni muore anche mia madre. Proprio quando avevo più bisogno di qualcuno, ecco che mi ritrovo sola.

 

Mi sono rimboccata le maniche e ho cacciato di casa il padre del bambino. Lui non si è mai interessato di suo figlio... mai!

 

Dopo alcuni mesi ho conosciuto un altro ragazzo. Lui è il mio attuale compagno! Sono 6 anni che stiamo insieme e da subito ha accettato mio figlio e lo ha cresciuto come se fosse figlio... infatti lui lo chiama papà!

 

Insomma dopo questa tragedia posso dire che alla fine grazie a mio figlio ho trovato la forza di andare avanti e li amo da morire, sia il mio piccolo che il suo PAPÀ!

 

Ora ho solo un dubbio: vorrei un parere su come e quando dire a mio figlio che quello che quello che lui considera essere suo padre in realtà non lo è. Credo che presto o tardi mi chiederà spiegazioni perché lui ha il cognome del suo padre biologico. Come fare per non traumatizzarlo?

 

da mamma anonima

 

(storia arrivata come messaggio privato a redazione@nostrofiglio.it)

 

Leggi anche: il bello di essere papà

 

LE ULTIME STORIE