Scafocefalia

Scafocefalia. Dopo un'operazione delicatissima il mio piccolo è tornato a sorridere

Di mammenellarete
neonato

28 Ottobre 2018
Dopo la nascita del mio piccolo Lorenzo, mi accorsi che qualcosa non andava. Poco dopo i medici gli diagnosticarono la scafocefalia: il bimbo doveva essere assolutamente operato alla testolina. Giunse il giorno dell’intervento e io ero terrorizzata: lasciarlo da solo in quella fredda sala operatoria e non poter stargli vicino mi uccideva dentro. Dopo 4 ore di intervento ci dissero che era andato tutto bene. Per fortuna Lorenzo si riprese. E ora è un bimbo sorridente e allegro.

 

Facebook Twitter Google Plus More

Era il mese di aprile del 2017 quando il mio piccolo Lorenzo venne al mondo. Appena dopo la nascita, sentii subito che qualcosa non andava, ma i dottori mi tranquillizzarono dicendo che il bimbo stava benissimo. Invece, il giorno dopo lo ricoverarono per ipoglicemia e ipocalcemia.

 

Dopo una settimana di ricovero tornammo a casa e il primo maggio mi accorsi che mio figlio aveva dei strani tremori mentre dormiva. Lo portammo allora in ospedale, dove lo ricoverarono.

 

Dopo una serie di accertamenti ci diedero una diagnosi: CRANIOSTENOSI e precisamente SCAFOCEFALIA. Eravamo spaventatissimi, perché era necessario che Lorenzo affrontasse un intervento molto delicato alla testolina. Ma ci facemmo coraggio. Qualche giorno prima dell’operazione lo battezzammo.

 

Giunse il giorno dell’intervento e io ero terrorizzata: lasciarlo da solo in quella fredda sala operatoria e non poter stargli vicino mi uccideva dentro. Dopo 4 ore di intervento ci dissero che era andato tutto bene.

 

Portarono il piccolo in terapia intensiva. Era tutto gonfio, livido... stentavo a riconoscerlo. Ero triste, chiedevo al Signore di darmi la forza per affrontare un momento così brutto. Per fortuna il bimbo dopo quattro giorni cominciò a stare meglio e piano piano ad aprire gli occhietti.

 

I giorni a seguire furono molto difficili, ma lui ebbe una forza incredibile, una forza unica che, ad oggi, non lo abbandona mai. È un bellissimo bambino solare e sempre sorridente. Ringrazio Dio perché abbiamo superato una prova tanto grande per noi, senza di lui non ce l’avrei fatta. Grazie al mio piccolo perché mi riempie la vita e mi ha reso una mamma migliore.

 

di Maria Luna

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

Leggi anche: Craniostenosi, la storia del piccolo Nicolò

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

LE ULTIME STORIE