Home Storie Il primo anno

Ipoplasia alla mano: un inizio difficile ma ora mio figlio cresce felice

di mammenellarete - 23.09.2015 - Scrivici

newborn.600
Fonte: Alamy.com
Dopo il parto fu subito riscontrata al mio bimbo un'ipoplasia alla mano destra: il piccolo aveva due dita attaccate e gli mancava la prima falange in una delle due. Il quinto giorno dopo il parto il primario di pediatria trovò al piccolo anche un soffio al cuore anomalo. Aveva un difetto intraventricolare. Il 5 agosto 2014 il mio cucciolo fu operato da una bravissima équipe. Ora per fortuna sta benissimo ed è come se il problema non fosse mai esistito. 

Dopo un anno e mezzo di fidanzamento io e il mio attuale marito iniziammo a cercare un bimbo. Dopo tanti tentativi senza un buon fine, nel mese di agosto 2013 effettuai il test, che risultò positivo!

La gravidanza fu facile e non ebbi particolari problemi. Unico dettaglio spiacevole: il tri-test risultò positivo, perciò, nonostante la mia giovane età, fu seguito da amniocentesi, che risultò poi nella norma.

Per i medici del consultorio tutto sembrava in regola. Il 9 aprile 2014 nacque il nostro angioletto di 3 chili e 180 grammi per 47 centimetri! Lui stava bene, era bellissimo.

Purtroppo fu subito riscontrata un'ipoplasia alla mano destra: il piccolo aveva due dita attaccate e gli mancava la prima falange in una delle due.

Il quinto giorno dopo il parto il primario di pediatria trovò al bimbo un soffio al cuore anomalo, quindi andammo al regina Margherita di Torino per una visita cardiologica. Esito? Difetto intraventricolare e probabile intervento entro 5 mesi.

Il 5 agosto 2014 il mio cucciolo fu operato da una bravissima équipe. Ora sta benissimo ed è come se il problema non fosse mai esistito. Ovviamente faremo un controllo all'anno per verificare che sia tutto a posto.

Tra poco sistemeremo anche la mano e per concludere faremo alcuni test genetici per approfondire questa sindrome che collega cuore e mano. In ogni caso il mio bimbo ora ha 17 mesi, sta benissimo e sta crescendo bene.

Auguro a tutte le mamme che i loro angioletti stiano sempre bene o come nel mio caso abbiano la fortuna di trovare dei bravi medici come è successo a me!

di Giada

(storia arrivata all'email della redazione di Nostrofiglio.it)

Storie correlate

La storia della mia rinascita: la mia lotta contro la malattia
La disabilità non è un limite
Mamma felice di un bimbo con emofilia

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

Aggiornato il 29.08.2017

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati