Home Storie Il primo anno

Il figlio di una mamma fumatrice potrebbe avere disturbi cardiorespiratori

di mammenellarete - 31.08.2011 - Scrivici

bebe-nanna-400.180x120
Un nuovo studio suggerisce che la nicotina del tabacco causa disturbi nel controllo cardiorespiratorio nei neonati.

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

Gli scienziati del Karolinska Institute e dell’Università di Uppsala in Svezia hanno condotto uno studio sull'esposizione alla nicotina e al fumo di sigarette del feto e del neonato.

 

La dottoressa Anna Gunnerbeck, che ha condotto gli esperimenti, ha evidenziato un nesso tra il il fumo e i disturbi cardiorespiratori del neonato. Pare che sia la nicotina a causare i danni peggiori, e se assorbita dal feto può causare disturbi nel controllo autonomo del bebè, aumentando il rischio di apnea neonatale.

 

Lo studio ha coinvolto 609.551 bambini nati da madri fumatrici o in cura per smettere di fumare. Di questi, 7.599 bambini con mamme in terapia sostitutiva a base di nicotina; 41.391 erano di madri che fumavano da una a 9 sigarette al giorno, infine 16,928 nati da madri che fumavano più di 10 sigarette al giorno.

 

Dai dati raccolti i ricercatori hanno scoperto che, rispetto ai bambini nati da madri non fumatrici, quelli più a rischio di apnea anche sono quelli nati da madri che usano il sostitutivo delle sigarette. La nicotina infatti viene assorbita dal feto attraverso il sangue e le terapie sostituive non sono meno pericolose delle sigarette stesse.

 

Questo studio mette quindi in evidenza l'importanza di non assumere nicotina in nessun modo durante la gravidanza. La nicotina è anche diretto responsabile della SIDS, insieme a fattori come temperature troppo alte in casa, posizionamento errato del neonato durante la nanna e il co-sleeping.

 

Foto: Flickr

 

articoli correlati