Gemelli

Allattare due gemelli si può. La storia di Fabrizia

Di mammenellarete
allattamento-gemelli
16 gennaio 2020
Fabrizia è mamma di due coppie di gemelli: è rimasta incinta quando i primi bimbi avevano un anno e mezzo. Nella video storia ci ha raccontato cosa vuol dire allattare due coppie di gemelli.
Facebook Twitter More

Fabrizia è mamma di due coppie di gemelli: è rimasta incinta quando i primi bimbi avevano un anno e mezzo.

Nella video storia che vi presentiamo, ci ha raccontato che cosa voglia dire allattare due coppie di gemelli in così poco tempo.

Allattare due gemelli si può

Come sei passata da essere una bambina iperattiva alla mamma che sei adesso?

Ho sempre avuto bisogno di riempire veramente la vita di tante cose perché sono un'iperattiva. Quattro figli, due coppie di gemelli: ho sempre pensato che se doveva succere a qualcuno, è giusto sia successo a me. Ho un'energia che mi porta sempre a inventare tante cose. Non riesco a stare ferma e buona. Con i bambini ho sempre fatto tante attività e ho sempre cercato di non farmi fermare. Quando avevo i miei gemelli di 2 anni e mezzo e ho saputo che sarebbero arrivati altri due gemelli, non mi sono fatta bloccare dal terrore. 

Come riuscire nell'allattamento materno gemellare?

Sono riuscita nell'allattamento perché ho avuto un bambino operato in quarta giornata. All'ospedale dove eravamo e dove siamo stati un mese in degenza, hanno insistito tantissimo per le sue problematiche. Lui avrebbe avuto sicuramente tutti i vantaggi dall'allattamento materno e tanti svantaggi - cosa che non mi aspettavo e che nessuno sa - dall'allattamento artificiale. Io ero molto motivata: sono riuscita ad allattarli. Mi sono accorta che più lo facevo, più mi veniva bene e più le persone mi aiutavano. Anche l'ostetrica si è resa conto dei progressi. È stata una "corsa" davvero positiva. Ho allattato, dunque, i primi gemelli per un anno e mezzo, finché sono rimasta incinta delle seconde. Dopo è stato tutto più facile. 

C'è un oggetto del cuore che porti con te da questa esperienza?

Sì, certo, ne parlo sempre. Avevo un divano vecchio, ma comodissimo. Una di quelle cose che sono nelle case da sempre. Era del mio babbo ed era talmente comodo... da essere diventato la tana, o meglio "la cuccia della volpe" (come dice mio marito) perché io portavo lì tutto. Portavo su quel divano i miei gemelli e i libri, il tablet, i telecomandi, la roba da mangiare e da bere, tutto quello che serviva per la sopravvivenza. Una zattera, praticamente. Era un posto dove mi sentivo a mio agio, dove potevo essere rilassata con tutte le cose che mi servivano e con i miei cuccioli. Praticamente un posto sicuro, protetto e dove stare in tranquillità.

Da mamma a mamma

Dico alle altre mamme: "Aiutatevi". In base alla mia esperienza sono stati fondamentali i gruppi preparto, perché in questi si stringono amicizie e ci si aiuta. Per questo ho fondato un gruppo che si chiama "Allattamento materno gemellare", nel quale ci sono tante "mamme gemellari", ma anche mamme di un singolo. Dopo tanti anni di consulenza, ho capito che molte mamme si sentono sole e questa rete di sostegno, di amore, di comprensione, di partecipazione ha aiutato e continuerà ad aiutare tante donne.