Allattamento

Allattamento prolungato, ecco perché ho allattato fino a cinque anni e mezzo

Di mammenellarete
allattamento
04 Novembre 2019
Ho due figli che ora sono grandi. Dopo il parto allattai molto di più la seconda bambina perché avevo più latte. Subito dopo il primo bambino, invece, non mi venne la montata lattea e, dunque, anche per inesperienza, non allattai. Posso però dire che oggi entrambi i miei ragazzi stanno benissimo. E comunque, non è l’allattamento che vi rende madri.
Facebook Twitter More

Quando ho avuto mio figlio Federico avevo 29 anni ed ero poco informata sull’allattamento materno. Ero sicuramente intenzionata ad allattare ma non sapevo molto sull’argomento.

 

Federico nacque alla 38esima settimana e pesava 2.600 kg. Non aveva tanta forza per tirare e non mi venne la montata lattea. Con il calo fisiologico l’infermiera gli dette immediatamente una giunta di latte artificiale. E questo decretò la fine del mio allattamento.

 

Dopo 4 anni rimasi incinta di mia figlia. Iniziai a leggere libri e libri sull’argomento e con l’aiuto della mia ostetrica che faceva parte della ‘’Leche League’’, mi documentai cosi tanto che quando nacque mia figlia ero preparata. Elisabetta si attaccò al seno con il cordone ombelicale ancora attaccato. La allattavo a richiesta giorno e notte.

 

Mi venne una montata lattea degna di una balia che avrebbe potuto allattare gemelli. Fino a sette mesi Elisabetta non sentì nemmeno un goccio di acqua, poi piano piano le prime pappe, ma sempre con il seno a richiesta.

 

Vedevo che mentre Federico si ammalava spesso, Elisabetta non si ammalava mai. I primi anni di asilo non era mai assente. La notte fu difficile fino ai due anni e mezzo, poi iniziò a dormire in cameretta con suo fratello e non cercò più il seno la notte, ma solo al ritorno da scuola e prima di andare a letto.

 

A cinque anni le dissi un giorno che la mamma era stanca e che doveva iniziare a pensare di smettere la ‘’tettina’’, così come la chiamava lei. Dopo due settimane si decise. Aveva cinque anni e mezzo.

 

Non ricordo un periodo più felice della mia vita di quello in cui allattavo mia figlia. Ora ha ventanni, studia all’accademia di canto ed è una meraviglia. Ma vorrei dire a tutte le mamme che se non possono allattare non devono sentirsi in colpa.

 

Mio figlio sta benissimo ed è bellissimo e non l’ho allattato nemmeno un giorno. Non è l’allattamento che vi rende madri. Mio figlio si è solo ammalato molto di più. Il latte materno fornisce tutto ciò di cui il bambino ha bisogno, è comodo ed economico.

 

Attenzione ai dentini da latte! Se prolungate l’allattamento, curate bene l'igiene dei dentini (o fate in modo che li lavino spesso) perché il latte contiene zucchero.

 

di Alessandra

 

(storia arrivata sulla email di redazione di Nostrofiglio.it)

 

Vuoi mandarci la tua storia? Scrivici a redazione@nostrofiglio.it

 

Allattamento, 10 regole per allattare bene e a lungo

 

Alla domanda: “Hai intenzione di allattare il tuo bambino?”, più del 90% delle future mamme italiane risponde affermativamente. Poi però, dopo la nascita del bebè, sono tante le madri che non riescono a realizzare questo desiderio.

Ragadi, mastiti, bimbi che crescono poco... quando si incontrano degli ostacoli iniziali nutrire al seno può diventare davvero difficile. E allora vediamo insieme quali accorgimenti possono aiutare la mamma a prevenire o risolvere eventuali difficoltà per allattare a lungo e felicemente.

CONTINUA A LEGGERE: Allattamento, 10 regole per allattare bene

LE ULTIME STORIE