Poesia

Poesia per Ylenia, un angelo che se n'è andato dopo essersi affacciato al mondo

Di mammenellarete
donna
20 dicembre 2018 | Aggiornato il 19 agosto 2019
Nel 1978 diedi alla luce una bambina, che purtroppo non sopravvisse. Si chiamava Ylenia. Penso continuamente a lei, che dal cielo veglia sui suoi fratelli e su mamma e papà. Ho scritto una poesia per lei, per ricordarla sempre.
Facebook Twitter More

Nel 1978 dopo una normale gravidanza nacque il mio angioletto Ylenia, che però dovette ripartire subito perché Gesù la richiamò subito in cielo: era il suo Angioletto speciale. La piccola nacque affetta da anancefalia, pesava 2 chili e 740, occhioni grandi e marroni. Io non la vidi neanche per un attimo perché i medici ritennero giusto così.

 

Ora ho altri tre figli: due maschi e una femmina. Ylenia veglierà sempre su di loro e su mamma e papà. "Ciao amore, piccolo Angelo, sarai per sempre nei nostri cuori". Ecco la poesia che ho scritto per lei.

 

YLENIA

 

VIVI NEL MIO RICORDO MIA DOLCE CREATURA

 

SEPPUR NON TI CONOSCA IMMAGINO IL TUO VOLTO

 

NEL CUOR L'HO IMPRESSIONATO

 

E INDELEBILE SARÀ LA TUA FIGURA IMMENSA

 

DI BIMBA APPENA NATA.

 

TI SEI AFFACCIATA AL MONDO

 

E TE NE SEI ANDATA SEI COME DIR....... VOLATA!

 

RIPENSO A QUEI MOMENTI CHE IN GREMBO TI PORTAVO,

 

ERO FELICE ASSAI,

 

TI IMMAGINAVO BELLA AL PARI DI UNA STELLA,

 

OGNI TUO MOVIMENTO ERA PER ME UNA GIOIA.

 

CON ANSIA PREPARAVO L'ALLEGRO CORREDINO

 

MAN MANO CHE CRESCEVI SEMPRE DI PIÙ TI AMAVO

 

L'ATTESA FU FATALE!

 

MENTRE TRA DOGLIE E VOGLIA DI VEDERE IL TUO VISINO, HAIME'!

 

FU IL 19 OTTOBRE PER ME UNA TRISTE DATA,

 

TI SEI AFFACCIATA AL MONDO E....... TE NE SEI ANDATA!

 

19 OTTOBRE 1978

 

19 OTTOBRE 1982

 

QUATTR'ANNI SON PASSATI DA QUELLA TRISTE DATA

 

EPPURE NEL MIO CUORE SEI SEMPRE COME ALLORA

 

UN PICCOLO BATUFFOLO CHE CHIEDE TENEREZZA

 

SOLO CHE NEL MIO CUORE È ENTRATA LA TRISTEZZA.

 

OR DIMMI MIO TESORO CHE COSA FAI A QUEST'ORA?

 

GIOCHI CON GLI ANGIOLETTI AMICI TUOI DILETTI

 

O PIANGI A LUNGO ANDARE FINCHÉ LA MAMMA TUA

 

TI VENGA A CONSOLARE?

 

NON DEVI AVER PAURA DOLCE PICCINA MIA

 

TU SAI CHE OGNI NOTTE TI FACCIO COMPAGNIA

 

TI STRINGO TRA LE BRACCIA

 

CHE NON L'HAN FATTO MAI

 

E CON UN CUOR DI MAMMA

 

CANTO SOLO PER TE LA TUA NINNA NANNA.

 

ALL'ALBA PUNTUALMENTE A CAVALCIONI AL VENTO

 

TI RECHI GIOIA SANTA AL TRISTE CAMPOSANTO.

 

MAMMA

 

di Tittina

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

Leggi anche: La vita... porta il nome di mia figlia! e Mia figlia, portata via dalla Sids

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it