Parto indolore

Il mio parto veloce e indolore avvenuto di venerdì 17

Di mammenellarete
mamma

13 Marzo 2019
Ho partorito a 40 anni. Mia figlia è venuta al mondo velocemente e senza che io abbia mai provato il dolore delle contrazioni forti. Ecco la mia storia.

Facebook Twitter Google Plus More

Andrea Laura doveva nascere a metà febbraio del 1997 e doveva essere un acquario nell'anno dell'acquario. Io il 15 gennaio ero a scuola di ballo. Ballavo la mazurka, come si fa in Romagna.

 

Tornata a casa, ebbi la rottura precoce delle membrane a 37 settimane. Telefonai in reparto per chiedere cosa dovevo fare e la risposta fu: "Se non vuoi partorire a casa, forse è il caso che ti faccia ricoverare".

 

Fui ricoverata. Durante la visita non ebbi nessuna dilatazione e nessuna contrazione. Me ne tornai a letto in attesa delle contrazioni e mi svegliai bella riposata al mattino. Durante la giornata nulla, la bimba non era ancora nella posizione giusta e il ginecologo disse che non era un problema perchè prima o poi si sarebbe incanalata.

 

Il problema era che io ero vecchia e i tessuti erano duri perciò... tanti auguri!!! La sera cominciai ad avere qualche contrazione... ma erano da niente. Ad ogni contrazione mi alzavo dal letto e le ragazze che erano in camera con me avevano partorito al mattino perciò le poverette rischiavano di fare la nottata con me che facevo avanti e indietro!

 

Con il mio fido pacchetto di sigarette (ebbene sì, sono una madre snaturata che ha fumato in gravidanza), mi sedetti sulla panchina nell'atrio e aspettai questi famosi dolori.

 

Verso le tre passò mio marito che tornava dal lavoro e che voleva stare con me, ma il poveretto dormiva in piedi perciò lo mandai a nanna. Alle 6 del mattino mi visitò l'ostetrica che smontava da notte, ma io nulla... non avevo nessuna dilatazione.

 

Alle 8 non avevo più neanche contrazioni. Mi visitò il primario e mi disse: "Dai sei di 5 centrimetri, fatti preparare e vai in sala parto». Io non avevo nessun dolore e tornai a letto. Alle 10 venne a chiamarmi l'ostetrica e mi disse: "Non vieni in sala parto?". Io risposi: "A far che? Non ho contrazioni!". Lei disse: "Dai vieni che mettiamo la flebo".

 

Ecco, quello fu un dolore atroce anche perchè andò subito fuori vena. Devo fare una premessa, io sono infermiera ed ero sempre andata in sala parto con tutte le mie amiche che avevano partorito, perciò ero curiosa di capire se sarebbe stato così doloroso pure per me.

 

Comunque alle 10 entrai in sala parto e subito iniziò il via vai delle colleghe che venivano a trovarmi. Feci tante chiacchiere, bevvi il caffè e feci pure due tiri di sigaretta. Ogni tanto avevo una contrazione, ma niente di che, sembrava un po' più di un dolore mestruale, anche se in realtà non li ho mai avuti.

 

Ad ogni contrazione pensavo a come potessero essere quelle veramente dolorose. Sono passati 22 anni e ancora lo devo scoprire. Alle 12 nacque mia figlia: pesava 3 chili e 300 e non ebbi neppure un punto. Ci ho messo 40 anni per fare una figlia e l'ho messa al mondo di venerdì 17.

 

di Mariateresa

 

(storia arrivata come messaggio privato sulla nostra pagina Facebook)

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

LE ULTIME STORIE