Incinta durante l'allattamento

Incinta subito dopo il capoparto. La storia della nascita della piccola Iside

Di mammenellarete
neonata1

07 Novembre 2018
Sono rimasta incinta esattamente dopo il capoparto. Quando lo scoprii, allattavo ancora il mio primo figlio. Eppure, ero già al sesto mese di gravidanza! Un miscuglio di emozioni si affollarono dentro me, il pensiero di non allattare più il mio bambino e di non essermi accorta della creaturina che cresceva in me mi lacerava. Ma vedemmo, per fortuna, che la gravidanza procedeva benissimo, anche se, stranamente, io non avevo mai avuto nausea nè la pancia di una gravidanza di 6 mesi. Il dottore mi tranquillizzò, dicendomi che potevo continuare ad allattare. Da lì il mio cuore scoppiò di gioia.

Facebook Twitter Google Plus More

Scoprii per puro caso di essere incinta di 6 mesi. Avevo 20 anni ed il mio primo figlio aveva 11 mesi quando mi venne il "capoparto". Ma, dopo il primo, non ebbi più nessun ciclo, ma non mi preoccupavo molto visto che allattavo.

 

Ebbene, lo allattavo tranquillamente, spesso capitava che dormisse su di me anche per tutta la notte, ma poi un bel giorno, come un flash, nella mia testa pensai che era il caso di farmi una visita, il dottore mi prescrisse un ecopelvica che andai a fare qualche giorno dopo.

 

Arrivata lì, mi sdraiai sul lettino ed appena il dottore appoggiò l'ecografo sulla mia pancia mi disse che ero in dolce attesa. Io rimasi scioccata ed esclamai: "Ma cosa sta dicendo?" Lui, facendo su e giù con la testa, mi disse: "Signora lei è proprio incinta ed è anche avanzata, dato che è arrivata già a 4 mesi.

 

Io annuii e con gli occhi persi mi rivestii e andai fuori. In quel momento incontrai lo sguardo di mia sorella che aveva in braccio il mio primo figlio, così scoppiai a piangere davanti a lei.

 

Un miscuglio di emozioni si affollarono dentro me, il pensiero di non allattare più mio figlio e di non essermi accorta della creaturina che cresceva in me mi lacerava. Andammo in macchina e, sempre piangendo, chiamai il mio fidanzato (ora mio marito) e lo informai della cosa.

 

Lui per qualche secondo non rispose, poi mi disse: "Tranquilla andrà tutto bene". Non mi tranquillizzai molto, ma smisi di piangere per la creaturina che era in me. Il giorno dopo prenotai una visita ginecologica in ospedale e da lì scoprimmo che non ero di 4 mesi, ma bensí di 6 mesi avanzati ed era una femmunuccia!

 

Vedemmo che la gravidanza procedeva benissimo, anche se, stranamente, io non avevo mai avuto nausea nè la pancia di una gravidanza di 6 mesi. Per fortuna la bimba era sanissima ed il dottore mi tranquillizzò, dicendomi che potevo continuare ad allattare. Da lì il mio cuore scoppiò di gioia, non sentivo più quella tristezza dentro.

 

Da lì a poche settimane il mio pancione crebbe a dismisura, sembrava quasi che aspettassi dei gemelli e ciò mi dava l'impressione che la mia bimba avesse pensato: "Finalmente posso farmi vedere, finalmente mi hai scoperta!"

 

A maggio del 2014 nacque la mia principessina Iside, una scricciola di 2 chili e 800 di puro amore. Ora ha 4 anni ed è una bimba abbastanza calma, ma molto testarda.

 

Le persone cui lo racconto non credono che possa accadere una cosa simile, ma è vero, può succedere e la mia piccola ne è la prova.

 

Da pochi mesi è nata anche la mia terza bambina, Morena, e possiamo dire, tra mille difficoltà, che siamo davvero felici di questi 3 doni.

 

di Giusy

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

Leggi anche: Partorire in bagno, la mia bambina nata in casa

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

 

LE ULTIME STORIE