Home Storie Il bimbo cresce

Un libro per l'estate del bambino

di mammenellarete - 11.07.2009 - Scrivici

libro_estate_bambino_big.180x120
La scuola è finita e le vacanze sono arrivate! .


Peccato che il tempo libero sia disponibile solo per i bambini e non per i genitori che magari devono lavorare.

Quale soluzione per intrattenere il bambino?

La lettura è una di quelle ideali!

Il tempo delle vacanze per i piccoli è il momento opportuno per fare esperienze di socializzazione con gli altri bambini ed un’ occasione che i genitori dovrebbero cogliere al volo: hanno la possibilità di insegnare tante cose ai figli ad esempio, come approcciarsi ad attività che aiutano ad educarlo meglio, a farlo crescere in modo sano e a tutte quelle attività che stimolino la sua curiosità e siano utili ad aumentare anche il suo bagaglio culturale.

Leggere un libro è utile molto utile per il bambino e presenta una serie di vantaggi.

Cultura

Comincia a sviluppare il senso della conoscenza e questo lo aiuta anche a migliorare nella scrittura e nella lettura ad alta voce utile per la scuola.

La lettura facilita anche il linguaggio ed aiuta a svilupparlo meglio.

Un consiglio per i genitori è quello di prendere dei libri ricchi di immagini e molto colorati perché attirano la sua attenzione soprattutto nei primi anni di vita in cui il bambino fa nuove esperienze sensoriali, come quella della scoperta dei colori e della presenza di personaggi che riproducono gli umani (immagini di bambini, genitori, animali) tutte figure che vedono quotidianamente.

Quali storie scegliere?

L’estate è tempo di vacanza e di svago ed il bambino, dopo nove mesi di scuola, non avrà assolutamente voglia di rimettersi con un libro in mano, ma non interrompere il suo utilizzo servirà anche a far accettare, il libro, a settembre con la ripresa della scuola.

I nostri consigli

- preferire dei libri con storie brevi: anche la lunghezza conta. Nel caso in cui le pagine del libro siano molte, il piccolo potrebbe essere prevenuto e credere che quel “librone” sia solo da studiare;

- come già detto è bene preferire libri ricchi di immagini che stimolano la loro curiosità di osservazione e lo approcciano, in modo completo, all’utilizzo di un libro come fonte di conoscenza e non come strumento di noia e dovere;

- preferire delle storie leggere e che scorrono, visto che l’estate è un periodo di svago ed il piccolo ha anche bisogno di giocare di più, visto che ha la possibilità di farlo all’aperto;

- preferire, inoltre, quei libri fatti di brevi storie e brevi racconti. Quindi si alle raccolte e no (ma se il bambino è propenso, si potrebbe anche optare) alle storie lunghe ed uniche di un libro. Questo permette anche di far accettare meglio l’uso del libro ed il consiglio è quello di alternare una storiella al giorno con il gioco, che il bambino può svolgere con mamma, papà o con gli altri amichetti.

Vanno bene, a tal proposito, libri classici come quelli di Italo Calvino: “Marcovaldo ovvero le stagioni in città”, “il visconte dimezzato” che sono l’esempio di libri semplici da leggere, scorrevoli e che alla base hanno anche un insegnamento morale utile per la crescita del bambino.

Altro libro consigliato per i bambini che frequentano le elementari, e magari anche per i più grandicelli delle medie, è “La boutique del mistero” di Dino Buzzati che in questa raccolta di racconti analizza anche varie stati emozionali come la paura, l’angoscia.

Questi tipi di libri servono anche ai genitori come strumento per spiegare al figlio l’esistenza di alcuni stati emozionali difficili da chiarire teoricamente.

Che libri consigliate per i vostri piccoli? Ditelo sul nostro forum!

articoli correlati