Home Storie Il bimbo cresce

Un cucciolo sotto l’albero?

di mammenellarete - 21.12.2009 - Scrivici

cuccioli_albero_big.180x120
Crescere con un cane, un gatto o un altro animale domestico, è una fortuna per i bambini. La compagnia di un animale può educare al rispetto, può insegnare l'amicizia, può far crescere il senso di responsabilità e di cura nei confronti di un altro essere vivente.


Ecco, il punto è esattamente questo: purché si tenga sempre conto che si tratta di un essere vivente, con paure sentimenti ed emozioni, e non di un pelouche che agisce a comando. Proprio per questo, il cucciolo sotto l'albero di Natale è un'immagine equivoca, che avvicina troppo l'animale a un giocattolo.

E' vero anche che spesso a Natale si esprimono i propri desideri più grandi e spesso un cucciolo è il sogno di tanti bambini che si immaginano protagonisti di grandi avventure e di giochi infiniti con un amico a quattro zampe.

La riflessione per i genitori è d'obbligo: pensate bene alle passeggiate (notturne, piovose...), all'impegno economico che deriva dalla cura degli animali domestici, al nuovo ordine di equilibri che dovrete creare in famiglia con l'arrivo del cucciolo.

Se avete deciso che un cucciolo sarà il regalo di vostro figlio (e forse ne siete contenti anche voi) seguite i consigli del Corpo Forestale dello Stato in difesa dei cuccioli maltrattati che qui riportiamo. E quando sarete definitivamente una famiglia con cane o gatto a carico, non dimenticate di iscrivervi su PetPassion.tv e di condividere con noi i vostri video più belli!

Ed ecco i consigli

1. Se decidi di prendere un animale, adotta un cane o un gatto ospite delle strutture comunali (canile e gattile). Lì troverai cani di razza ma anche meticci, gatti cuccioli e adulti, ma tutti sverminati, vaccinati e sterilizzati. Personale preparato ti consiglierà la razza e la taglia più adatta alle tue esigenze familiari e ti ragguaglierà sul carattere dell’animale che ti piace e sulle diverse necessità di sistemazione. Così facendo avrai, qualora decidessi per un cane, con il solo obbligo dell’iscrizione all’Anagrafe Canina Regionale, un amico pronto ad esserti fedele per tutta la vita.

2. Se proprio vuoi acquistare un cucciolo di razza, poni particolare attenzione alle truffe che avvengono su Internet e diffida degli annunci in rete che riportano solo nomi e numero di telefono cellulare e che danno la possibilità di ricevere il cucciolo in luoghi diversi da un’attività commerciale.

3. Affidati ad allevatori seri, diffidando di coloro che ti promettono cuccioli di ogni razza a prezzi più bassi di quelli di mercato. Un allevamento serio può generalmente produrre cani di una o massimo due razze.

4. Se ricevi in regalo un cucciolo, portalo immediatamente per un controllo da un veterinario di fiducia e porta con te la documentazione (pet-passport e/o altri libretti sanitari eventualmente ricevuti insieme al cucciolo). Questa visita tutela la salute del tuo piccolo amico ma anche la tua e quella dei tuoi cari.

5. Se hai dubbi sulla provenienza o se il tuo cucciolo sta male o rischia di morire, chiama immediatamente il 1515 del Corpo forestale dello Stato per essere informato circa il posto più vicino dove presentare denuncia. Se puoi, porta con te le ricevute di acquisto e anche eventuali referti rilasciati dal Medico veterinario sullo stato di salute del cucciolo e delle eventuali cure somministrate. Se malauguratamente il cucciolo dovesse morire, fatti refertare il decesso e portalo al momento della denuncia.

6. Al momento dell’acquisto assicurati che ti vengano rilasciati tutti i documenti del cucciolo e richiedi la provenienza dell’animale. Se ti viene dichiarato che il cucciolo proviene dall’estero, pretendi che ti venga rilasciato il documento di importazione (pet-passport, pedigree, ecc). Nel caso il cane sia nato in Italia, fatti rilasciare un’attestazione di provenienza e un libretto sanitario.

7. Nel caso tu prenda un cane, puoi portarlo anche alla tua ASL di zona, dove veterinari esperti e preparati si prenderanno cura di lui visitandolo adeguatamente e assicurando l’iscrizione all’Anagrafe canina.

8. Assicurati che il tuo piccolo amico sia iscritto all’Anagrafe Canina Regionale: è un obbligo di legge che, oltre a farti evitare una sanzione amministrativa in caso di mancata iscrizione, ti dà una tranquillità in più in caso di fuga o smarrimento del cucciolo. Grazie al microchip, infatti, in caso di ritrovamento il cagnolino sarà facilmente identificabile e ti potrà essere restituito in poco tempo.

9. Se purtroppo perdessi il tuo piccolo amico, provvedi subito a segnalarlo alla ASL e, se vuoi, anche al Corpo forestale dello Stato.

10. Ricordati che un animale è un essere senziente che non chiede altro che essere rispettato. Non è un giocattolo né un peluche, ma un nuovo amico che entra a far parte della famiglia. Non abbandonarlo mai, perché oltre ad essere ignobile e biasimevole, costituisce un illecito penale di competenza dell’Autorità Giudiziaria. Se vedi qualcuno che abbandona o maltratta un animale, non esitare a denunciarlo al 1515 del Corpo forestale dello Stato.

Fonte: Corpo Forestale dello Stato

TI POTREBBE INTERESSARE