Home Storie Il bimbo cresce

Sopravvivere a battesimi, comunioni e matrimoni con figli piccoli

di Viviana - 13.06.2013 - Scrivici

bambina-matrimonio-400.180x120
La parola d'ordine è informarsi con chi ha organizzato. E se ad organizzare foste voi e sapete che a partecipare ci saranno parecchi bimbi e volete che stiano a loro agio, scegliete un locale in cui non venga storto il naso di fronte ai loro schiamazzi e ai passeggini, cercate di non organizzarlo di sera o preparatevi a non rimanere male se i genitori di piccoli andranno via presto. 

di Viviana

Venire invitati ad una cerimonia è piacevole. Vabbè, molti lo considerano una scocciatura:vestirsi eleganti, fare il regalo, andare in chiesa e stare compunti, partecipare al rinfresco...

Per me è piacevole, soprattutto se tengo alle persone che mi invitano. Però quando ti nasce un figlio, improvvisamente, al primo invito ti accorgi che tutto è cambiato! Il bimbo è piccolo, come si fa a portarlo ad un evento così impegnativo senza strapazzarlo, rispettando i suoi ritmi e le sue esigenze?

Qui mi piacerebbe raccontare come abbiamo affrontato noi questi eventi mondani e magari aiutarvi dando qualche piccola dritta, in modo che possiate vivere più serenamente questi momenti.

In genere chi la vive meglio è chi non si pone minimamente problemi e in realtà bisognerebbe viverla con leggerezza. Però se il dubbio vi assale e vi iniziate a rovinare la festa pensando a diecimila problemini, non preoccupatevi, si può fare e si sopravvive!

Inizio parlando dei battesimi, sia quello della mia bambina che di altri bimbi; ma queste regolette valgono anche per i matrimoni.

In genere i battesimi si svolgono nel pomeriggio e terminano con un rinfresco che va a sfiorare l'ora di cena.

Prima di portare la bimba ai vari battesimi l'abbiamo fatta riposare, se sentiva l'elettricità dell'evento nell'aria e non dormiva, (i bimbi sono fenomenali per sentirsi queste cose) si partiva prima e si girava in auto fino all'ora della cerimonia in modo che lei dormisse e vi arrivasse riposata.

Obbligatorio portare uno o due abitini di cambio, se il luogo lo permette è meglio vestire il piccolo all'ultimo momento, soprattutto se è ancora in fase rigurgiti e popò liquide.

Pertanto, anche se siete vestiti in modo elegante e le donne hanno quelle mini borsette bellissime da cerimonia, bisogna lo stesso ricordarsi di portare la borsa dei cambi con pannolini ed abiti. No, non stupitevi, ho visto persone aggirarsi sconsolate con bimbi luridi perché non avevano pensato a portare la borsa dei cambi, magari giusto un pannolino nascosto da qualche parte. Quella grossa borsa ingombrante stonava troppo col completo rosso fuoco e le scarpe di vernice!

Piuttosto lasciate la borsa in auto, ma non a casa! Anzi,se vi è possibile mettete un cambio anche per voi. Ho visto sempre genitori nascondersi per tutta la cerimonia perché magari in auto erano stati vomitati e figli vomitati e puzzolenti di vomito aggredire il banchetto del buffet facendo il largo accanto a loro perché non li si riusciva ad avvicinare. Poveri!

In genere la merenda si cerca di darla al bimbo prima della cerimonia in modo che in chiesa non inizi a disperarsi per la fame. Logicamente se si decide di nutrire il pargolo quando è vestito già di tutto punto come una piccola bomboniera, si provvederà a portare un telo nel quale avvolgerlo tipo mummia in modo che rimanga pulito.

La cerimonia inizia. Sinceramente, devo dirvi che la mia bambina non ha mai creato caos in chiesa, è sempre stata lì buona buona, a parte una volta in cui ha voluto passare tutta la cerimonia nel confessionale. Ma se iniziassero a piangere o richiedere di uscire bisogna cercare di farlo e se la giornata fosse brutta bisogna attrezzarsi di ombrello e fare dentro-fuori cercando di non farsi sentire e non disturbare, magari dandosi il cambio col papà.

Non stupitevi neanche qui, ho sentito sposi o genitori di battezzati o preti lamentarsi per il grande caos causato da bimbi che toccavano tutto,urlavano e correvano. Dove non arriva il piccolo deve arrivare il genitore, la chiesa è un luogo di culto e anche se voi non siete credenti bisogna rispettare chi crede, chi ci ha invitati e il luogo che non è un parco giochi.

Dopo la cerimonia ci si rilassa, ecco il buffet.

Qui l'unico accorgimento è non lasciare completamente slegato il bimbo e dimenticarsi di lui lasciandolo razzolare fra i tavoli a disturbare gli altri invitati, ma in genere ai battesimi ci sono altri bimbi con cui provare a far giocare il proprio. E portarsi cibo per il bimbo!

Non pensate che ci sia comunque qualcosa che lui potrà mangiare, capita che ci siano solo cose piccanti o troppo unte, o con uova e magari voi non avete ancora introdotto l'uovo e visto che spesso si arriva verso l'ora di cena è bene pensare di portargli la cena con un thermos magari se è in età da svezzamento e se il rinfresco si svolge in una sala che non è un bar o un ristorante in cui abbiano un microonde per scaldarvi la pappa.

Chiedere in quale tipo di struttura verrà tenuto il rinfresco è buona norma anche per sapere se ci sono giardino, giochi portati da chi organizza, animatori....

Cercate di non far portare al vostro bimbo i suoi giochi se volete riaverli a casa. Spesso si perdono o spariscono nelle mani degli altri piccoli invitati. Al massimo, se c'è il giardino portate una piccola palla, dei palloncini....

Per i matrimoni faccio un discorso a parte, perché mentre i battesimi e direi anche le comunioni, sono cerimonie in cui tutto è un po' più a misura di bimbo e gli altri sono anche più tolleranti verso i bimbi e si pensa anche alle loro esigenze portando giochi, ecco, i matrimoni spesso sono molto più impegnativi.

I matrimoni possono essere celebrati la mattina e durare tutto il giorno, oppure essere celebrati nel pomeriggio e andare avanti nella notte.

In ogni caso per i piccoli sono cerimonie stressanti ed impegnative. Anche qui è bene chiedere in quale tipo di struttura verrà tenuto il rinfresco per capire se ci sarà un buffet o un pranzone seduti o una cena seduti.

Capire se ci sarà un'area destinata ai bimbi e ai loro giochi, quanti bimbi saranno invitati. Se il vostro bimbo sarà praticamente l'unico non sarà esattamente una cerimonia a misura di bimbo e dovrete organizzarvi portandogli voi dei giochi per distrarlo soprattutto in caso di pranzo o cena seduti con posti assegnati.

Io ammetto che ad un matrimonio molto elegante ed impegnativo perché celebrato con cerimonia all'inglese in cui i discorsi di sposi testimoni ecc. hanno occupato due ore e mezza prima di mangiare con pranzone seduti iniziato alle 16,30, non ho portato mia figlia, ho preferito lasciare che si divertisse coi suoi nonni a casa loro.

Ed è stata decisamente la scelta migliore che potessi prendere anche se gli sposi si erano prodigati a chiamare degli animatori che però erano apprezzati solo dai bimbi molto più grandi della mia. E i piccoli continuavano a chiamare i genitori per farli andare con loro a giocare nel giardino.

Sono stata ad un matrimonio totalmente a misura di bimbo organizzato di giorno, gli sposi hanno un figlio che ha un anno in meno della mia, quindi tutto era pensato per far divertire bimbi e genitori,pranzo a buffet, decisamente meno impegnativo per chi ha un bimbo piccolo da seguire, menù a parte dedicato per i bimbi, grande giardino con scivolo gonfiabile noleggiato.

Lì ho portato mia figlia senza problemi, si è divertita ed ha giocato e noi siamo stati bene con lei, sapevo già prima tutto ciò perché mi ero informata.

Il matrimonio celebrato nel pomeriggio è stato di più difficile gestione. Intanto si è svolto fuori città, quindi abbiamo dovuto alloggiare in un b&b scelto dagli sposi, che sono stati molto gentili nel cercarlo molto vicino al luogo della cerimonia.

Qui abbiamo dovuto portare il cibo della piccola che era in pieno svezzamento, la cena si svolgeva da seduti ai tavoli assegnati in un locale molto elegante, quindi tenere buoni i piccoli era molto difficile ed i camerieri si sono spesso lamentati per i bimbi che giravano fra i tavoli. Decisamente non a misura di bimbo!

Il menù era da adulti, ci hanno gentilmente scaldato al microonde la pappa portata da casa, ma ad una certa ora, anche se aveva dormito di pomeriggio prima della cerimonia, alla bimba è venuto sonno ed ha iniziato a diventare intrattabile. Si sa, i bimbi hanno i loro ritmi e se hanno sonno piangono.

Lì abbiamo dovuto fare la scelta. Io dopo i due primi (alle 22,30) ho mollato la cena e mi sono congedata per portare la piccola a dormire al b&b e come me hanno fatto altre mamme di bimbi piccolini. Mio marito è rimasto fino al dolce, ma ha vissuto male la cosa perché si sentiva in colpa perché io ero dovuta andare via. Sinceramente ho preferito rispettare i ritmi di mia figlia che già aveva retto fin troppo,visto che di solito va a nanna alle 21 anche ora che ha tre anni e mezzo.

Purtroppo la mia bimba ha sempre avuto un rapporto conflittuale col sonno e non sarei riuscita a farla dormire lì sul passeggino anche perché i camerieri non volevano passeggini vicini ai tavoli, ce li avevano fatti chiudere e lasciare nel guardaroba...

Quindi in queste occasioni bisogna sì pensare a viverla bene e divertirsi, ma anche cercare di rispettare i bisogni del bimbo e adeguarsi se il piccolo dimostra di non farcela più. Se i figli sono molto piccoli non gli si può chiedere troppo. Hanno dei limiti e dobbiamo prenderne serenamente coscienza.

Se si va sapendo già come è organizzata la festa, si partecipa meglio e predisposti per la situazione.

Quindi la parola d'ordine è informarsi con chi ha organizzato.

E se ad organizzare foste voi e sapete che a partecipare ci saranno parecchi bimbi e volete che stiano a loro agio, scegliete un locale in cui non venga storto il naso di fronte ai loro schiamazzi e ai passeggini, cercate di non organizzarlo di sera o preparatevi a non rimanere male se i genitori di piccoli andranno via presto. Cercate magari un locale in cui ci siano spazi esterni e organizzate un pranzo a buffet.

In ogni caso: buon divertimento!

articoli correlati