Home Storie Il bimbo cresce

Sogni, bambini e la rete

di mammenellarete - 07.12.2009 - Scrivici

i-sogni-i-bambini-e-la-reteBIG.180x120
I sogni di tutti i bambini del mondo diventeranno realtà “virtuale”. Dal 10 dicembre Kidzdream metterà online i sogni dei bambini, raccontati in video direttamente da loro, senza barriere culturali, di razza, di religione e lingua.  Il progetto, che s’ispira al modello “maps” di google, diventerà uno speciale magazine multimediale e interculturale  nel quale la dimensione del racconto è fondamentale, ma soprattutto un gioiello multimediale che sa coniugare  tecnologia, arte dell’immagine e umanesimo.

Notevoli le potenzialità di questo progetto, ma soprattutto significativo che i bambini in questo caso siano utenti attivi e non passivi, usino le tecnologie di comunicazione e non ne vengano usati.
Esclusi tassativamente blog e forme aperte di social network. I contenuti che arriveranno verranno filtrati da una redazione di esperti che ne valuterà le opportunità di messa online.
Kidzdream ha anche deciso di sposare un progetto a favore dei bambini nel mondo in situazioni di emergenza o di grandi necessità. Il progetto si fonda anche sulla partnership con il Programma Alimentare Mondiale (WFP), l’agenzia delle Nazioni Unite che fornisce pasti a scuola a oltre 22 milioni di bambini poveri nei paesi in via di sviluppo.
Attraverso il WFP i piccoli protagonisti di Kidzdream diventeranno i protagonisti della campagna per l’alimentazione scolastica dell’organismo internazionale
, aiutando in questo modo altri bambini. 300 sogni, 300 disegni, 10 reportages: on line su KidZdream.
Nel 2010 Kidzdream vuole andare in 10 posti nel mondo. In ognuno di questi luoghi, in collaborazione con una scuola o un’istituzione locale, si realizza una serie circa 30 sogni ed un piccolo reportage di circa 10 minuti fatto con i bambini che parla della loro vita e dei loro bisogni.

articoli correlati